Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Le classi diventano Stati a scuola si “viaggia” alla scoperta del mondo

MASSANZAGO. Durante gli ultimi giorni di scuola, in occasione delle “Giornate interculturali”, le classi della Scuola primaria "G.B. Tiepolo" di Massanzago si sono trasformate in stati del mondo.«Dura...

MASSANZAGO. Durante gli ultimi giorni di scuola, in occasione delle “Giornate interculturali”, le classi della Scuola primaria "G.B. Tiepolo" di Massanzago si sono trasformate in stati del mondo.

«Durante queste giornate ogni aula diventa uno stato da visitare e gli alunni con i loro insegnanti intraprendono un viaggio alla scoperta di luoghi e culture diverse, immergendosi in musiche, profumi e balli tipici», spiega la maestra Corinne Boin, ideatrice e coordinatrice della singolare manifesta ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MASSANZAGO. Durante gli ultimi giorni di scuola, in occasione delle “Giornate interculturali”, le classi della Scuola primaria "G.B. Tiepolo" di Massanzago si sono trasformate in stati del mondo.

«Durante queste giornate ogni aula diventa uno stato da visitare e gli alunni con i loro insegnanti intraprendono un viaggio alla scoperta di luoghi e culture diverse, immergendosi in musiche, profumi e balli tipici», spiega la maestra Corinne Boin, ideatrice e coordinatrice della singolare manifestazione. Un evento che vede uniti genitori e insegnanti per un progetto che ha un forte valore culturale e civile. Continua ancora l’insegnante Corinne: «Capita che i genitori impegnati a seguire il progetto siano originari del Paese che viene presentato». Ecco allora che il coinvolgimento è ancora maggiore: «I genitori si improvvisano attori, per immergere i bambini in realtà che non conoscono ma da cui vengono subito attirati. Sono giorni di festa in cui si crea un clima allegro e distensivo, ma ricchi di insegnamenti di carattere geografico, storico, folcloristico e, soprattutto, di un atteggiamento di apertura e curiosità nei confronti di culture diverse dalla propria». Insomma occhi aperti sul mondo attraverso un’esperienza didattica particolare.

Quest’anno sono stati presentati ben 13 Stati: Russia, Brasile, Lapponia, Grecia, Norvegia, Kosovo, Stati Uniti d'America, Spagna, Cina, Scozia, Giappone, Francia, Gran Bretagna. E, infine, non è mancato un villaggio d'Indiani d'America. —

Martina Mazzaro.