Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Rubano attrezzi da giardino, tre arrestati

SAN GIORGIO IN BOSCO. Prendono di mira un casolare e si portano via diversa attrezzatura da giardino, oltre ad un paio di canne da pesca, ma i carabinieri rapidamente li intercettano e fanno...

SAN GIORGIO IN BOSCO. Prendono di mira un casolare e si portano via diversa attrezzatura da giardino, oltre ad un paio di canne da pesca, ma i carabinieri rapidamente li intercettano e fanno scattare le manette. A finire nei guai sono stati Manolo Arnesto, 37 anni, la compagna Perla Stepich, ventottenne, e Vincenzo Maurizio Bezzon, di 53, tutti di Campodoro e tutti già noti alle forze dell'ordine.

Il blitz messo a segno dal terzetto è scattato nel pomeriggio di martedì in un casolare immerso ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN GIORGIO IN BOSCO. Prendono di mira un casolare e si portano via diversa attrezzatura da giardino, oltre ad un paio di canne da pesca, ma i carabinieri rapidamente li intercettano e fanno scattare le manette. A finire nei guai sono stati Manolo Arnesto, 37 anni, la compagna Perla Stepich, ventottenne, e Vincenzo Maurizio Bezzon, di 53, tutti di Campodoro e tutti già noti alle forze dell'ordine.

Il blitz messo a segno dal terzetto è scattato nel pomeriggio di martedì in un casolare immerso nel verde a San Giorgio in Bosco. Ad attirare le sgradite attenzioni dei malfattori è stato un edificio che si trova in via Lungobrenta, nella frazione di Lobia, proprio al confine con il Comune di Campo San Martino. L'allarme è stato lanciato verso le 15. I ladri sono entrati in azione dopo aver forzato una porta dello stabile. Una volta dentro si sono impossessati di un tagliaerba, un tagliasiepi, una cesoia e anche due canne da pesca.

L’intero bottino è stato quindi caricato su una Fiat Punto, con la quale i tre si sono allontanati in tutta fretta, convinti di aver fatto perdere le loro tracce. Non hanno però fatto i conti con gli uomini dell'Arma, che sono riusciti ad intercettare l'utilitaria, a controllare gli occupanti ed arrestarli.

(s.b.)