Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Un Consiglio sulla porcilaia di via Correzzo

STANGHELLA. Questa sera alle 21 è stato convocato un consiglio comunale aperto, su richiesta del gruppo consiliare “Stanghella Alternativa”, per parlare del caso della porcilaia di via Correzzo....

STANGHELLA. Questa sera alle 21 è stato convocato un consiglio comunale aperto, su richiesta del gruppo consiliare “Stanghella Alternativa”, per parlare del caso della porcilaia di via Correzzo. Nell’occasione i cittadini saranno chiamati a riportare direttamente al consiglio comunale e al sindaco la propria testimonianza e il proprio parere sulle emissioni odorigene, per molti già ora nauseabonde, e sulla sostenibilità ambientale dell’ampliamento dell’allevamento.

Una delegazione di cittadi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

STANGHELLA. Questa sera alle 21 è stato convocato un consiglio comunale aperto, su richiesta del gruppo consiliare “Stanghella Alternativa”, per parlare del caso della porcilaia di via Correzzo. Nell’occasione i cittadini saranno chiamati a riportare direttamente al consiglio comunale e al sindaco la propria testimonianza e il proprio parere sulle emissioni odorigene, per molti già ora nauseabonde, e sulla sostenibilità ambientale dell’ampliamento dell’allevamento.

Una delegazione di cittadini, insieme con alcuni rappresentati del comitato Terre Nostre Veneto, venerdì scorso è stata ricevuta in prefettura a Padova. Hanno consegnato nelle mani del viceprefetto le oltre cinquecento firme raccolte contro il progetto di ampliamento dell’allevamento intensivo di suini che dovrebbe passare da 4 mila a oltre 10 mila capi. Il vice prefetto ha ascoltato attentamente le posizioni che inducono a chiedere in tutti modi alla Provincia di non concedere l’autorizzazione all’ampliamento, attesa invece a breve termine.

Alessandro Cesarato