Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Duecento firme per il nuovo sottopasso

PIOMBINO DESE. I passaggi a livello di via Roma e via Meolde dovevano essere soppressi. Fino a due mesi fa pareva questione di vita o morte; oggi non se ne parla neanche più: le sbarre che dividono...

PIOMBINO DESE. I passaggi a livello di via Roma e via Meolde dovevano essere soppressi. Fino a due mesi fa pareva questione di vita o morte; oggi non se ne parla neanche più: le sbarre che dividono il paese in due resteranno al loro posto. Almeno per un bel pezzo. La Regione avrebbe trasferito il progetto, pari pari, in un altro comune lungo la stessa linea ferroviaria Castelfranco-MestreVenezia. Intanto in paese il traffico è ogni giorno caotico, 8 ore di chiusura su 12 a intervalli di 25 m ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PIOMBINO DESE. I passaggi a livello di via Roma e via Meolde dovevano essere soppressi. Fino a due mesi fa pareva questione di vita o morte; oggi non se ne parla neanche più: le sbarre che dividono il paese in due resteranno al loro posto. Almeno per un bel pezzo. La Regione avrebbe trasferito il progetto, pari pari, in un altro comune lungo la stessa linea ferroviaria Castelfranco-MestreVenezia. Intanto in paese il traffico è ogni giorno caotico, 8 ore di chiusura su 12 a intervalli di 25 minuti. È per questo che Valli Mainente, aiutata da altri cittadini, ha raccolto 200 firme, per dare la possibilità al Comune di farsi sentire in Regione dopo uno stop che sembra definitivo. «Per il momento», dice Valli, «non abbiamo costituito un comitato, ma se la situazione rimane questa e la Regione risponderà picche, lo faremo eccome. Basti pensare che il centro sta morendo, Piombino aveva sei negozi di alimentari e sono rimasti in due. I passaggi a livello stanno creando danni enormi al nostro territorio, anche edilizi, e nessuno più sta investendo». La raccomandata al governatore Luca Zaia è già sopra il suo tavolo: la situazione, si legge fra le righe, è disastrosa e frustrante. «Perché non viene concesso anche a Piombino Dese, specificatamente in via Meolde, la soluzione di un sottopasso? Chi lo sta bloccando? Visto che la situazione attuale, con ingorghi continui, è permanente, sarebbe il caso di valutare attentamente il caso, prima che in paese si muoia di inquinamento. Vorremmo qualche risposta, ma nessuno ce ne dà una. Non vorremmo, fra qualche settimana, dover reagire in maniera scomposta ed eclatante». Ora i cittadini attendono qualche risposta a una situazione divenuta paradossale.

Dario Guerra