Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Truffe seriali, chiusa l’inchiesta In cinque verso il processo

CITTADELLA . Chiusa l’inchiesta nei confronti del sospetto truffatore seriale Manolo Scremin, 40 anni di Mottinello (frazione di Rossano Veneto nel Vicentino) dove dal 20 gennaio scorso ha l’obbligo...

CITTADELLA . Chiusa l’inchiesta nei confronti del sospetto truffatore seriale Manolo Scremin, 40 anni di Mottinello (frazione di Rossano Veneto nel Vicentino) dove dal 20 gennaio scorso ha l’obbligo di dimora. E con lui anche per Francesco Renaldin, 65 anni di Tombolo; Ion Mocanu, 34 di San Donà di Piave; Gian Luigi Marchesini, 60 di Verona; Daniele Carraro, 49 di Camposampiero. Sette le truffe che, nel 2016, avrebbero fruttato a Scremin l’acquisizione di merce per un valore di oltre 100 mil ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CITTADELLA . Chiusa l’inchiesta nei confronti del sospetto truffatore seriale Manolo Scremin, 40 anni di Mottinello (frazione di Rossano Veneto nel Vicentino) dove dal 20 gennaio scorso ha l’obbligo di dimora. E con lui anche per Francesco Renaldin, 65 anni di Tombolo; Ion Mocanu, 34 di San Donà di Piave; Gian Luigi Marchesini, 60 di Verona; Daniele Carraro, 49 di Camposampiero. Sette le truffe che, nel 2016, avrebbero fruttato a Scremin l’acquisizione di merce per un valore di oltre 100 mila euro. L’uomo risultava gestore di due maneggi a Grantorto e a San Floriano di Castelfranco. Secondo i risultati dell’inchiesta avrebbe fatto sparire tutta la merce pagata con assegni finti o scoperti tranne che in un paio di casi. Tra gennaio e novembre 2016 mette a segno una serie di “acquisti“ di piante per oltre 14.787 euro nella ditta Green vivai e piante a Cittadella: promette di pagare ma non salda mai e a un certo punto trasferisce tutte le piante in un magazzino in affitto a Riese Pio X dove tenta di venderle senza riuscirci. Ad aprile con il supporto di Marchesini e Renaldin paga un camper con assegno-cartastraccia di 18 mila euro truffando un amico (il mezzo sarà rintracciato in Germania); poi altri bidoni guadagnandosi anche le accuse di autoriciclaggio e falso.