Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Hacker “ruba” un bonifico in rete

Intercettato il pagamento, se l’era accreditato: denunciato

TOMBOLO. Riesce a intercettare un bonifico di oltre duemila euro e se lo fa accreditare sulla sua carta prepagata, ma viene scoperto dai carabinieri. Il cerchio delle indagini - condotte dagli uomini dell’Arma della stazione di Tombolo - si è chiuso attorno a un quarantatreenne di Prato.

Una figura già nota alle forze dell’ordine, con alle spalle truffe e frodi, che ora si è vista rifilare una nuova denuncia per frode informatica. I fatti: a marzo un imprenditore di Galliera Veneta si è pres ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TOMBOLO. Riesce a intercettare un bonifico di oltre duemila euro e se lo fa accreditare sulla sua carta prepagata, ma viene scoperto dai carabinieri. Il cerchio delle indagini - condotte dagli uomini dell’Arma della stazione di Tombolo - si è chiuso attorno a un quarantatreenne di Prato.

Una figura già nota alle forze dell’ordine, con alle spalle truffe e frodi, che ora si è vista rifilare una nuova denuncia per frode informatica. I fatti: a marzo un imprenditore di Galliera Veneta si è presentato nella stazione dei militari di Tombolo sporgendo querela. Qualche giorno prima gli era capitato un fatto a dir poco spiacevole: via web, aveva effettuato un bonifico dell’importo di 2.200 euro a favore di una ditta che distribuisce carburante. Si aspettava di ricevere quanto pagato, ma non gli arrivava nulla. E così ha chiamato l’azienda beneficiaria del versamento e si è sentito rispondere che non era arrivato neanche un euro, il bonifico non risultava in contabilità. Com’era possibile? La vittima della frode aveva in mano la ricevuta del pagamento, ma i soldi erano evidentemente finiti altrove.

I carabinieri hanno quindi svolto gli approfondimenti del caso e sono riusciti a risalire al denunciato, che vive a Prato: l’uomo - sfruttando le sue abilità informatiche - era riuscito a dirottare quel flusso di denaro alla sua carta prepagata.

Ora sono in corso gli approfondimenti per risalire alle tecniche utilizzate.

Silvia Bergamin