Artigianato, il settore edile è in affanno

SAN MARTINO DI LUPARI. L'artigianato soffre ancora gli effetti della crisi globale, l'edilizia continua a perdere colpi, ma nell'Alta la flessione è meno grave rispetto ad altre aree del Veneto. Ed...

SAN MARTINO DI LUPARI. L'artigianato soffre ancora gli effetti della crisi globale, l'edilizia continua a perdere colpi, ma nell'Alta la flessione è meno grave rispetto ad altre aree del Veneto. Ed intanto la via del futuro appare tracciata: maggiore capacità di fare squadra e fare rete, una connessione più fitta tra piccole imprese e scuola, aiutare i giovani a re-innamorarsi della dimensione artigiana. Questo il cuore dell'analisi commissionata dalla Cna di Padova: lo studio è stato presentato nella sede della Confederazione dell'artigianato a San Martino di Lupari, con la partecipazione delle istituzioni, in testa il sindaco Gerry Boratto, e i due primi cittadini dei comuni principali dell'Alta, per Cittadella Luca Pierobon e per Camposampiero Katia Maccarrone.

I dati sono stati presentati dal presidente della Cna meccanica e della sede di Piombino Valter Meneghello, dal presidente veneto della Cna meccanica Giovanni Salvalaggio e dal segretario locale degli artigiani Luigino Agostini. Lo studio ha approfondito il trend economico degli ultimi tre anni, tra il 2015 e il 2017: sono diminuite del 2,4% le imprese artigiane nel Camposampierese e dell'1,1% nel Cittadellese; la contrazione di quelle manifatturiere fa registrare un -2,2% nel Camposampierese e un -3,5% nel Cittadellese; il segno meno si registra anche per alimenti e bevande, 7,9% e 3,6%. Non va meglio la moda, che scende del 2% nel Camposampierese e del 4,9% nel Cittadellese come pure il settore legno e mobile: -6,5% e 5,8%. In affanno il settore edile, con un -6,9% di imprese nel Camposampierese e -11,1% nel Cittadellese. La metalmeccanica dimostra una maggiore capacità di resilienza: -0,7% nel Camposampierese e -2,2% nel Cittadellese. (s.b.)


Vellutata di asparagi al latte di cocco

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi