Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’ex consigliere di San Giorgio in Bosco «Un provvedimento incomprensibile»

L'ex consigliere comunale di San Giorgio in Bosco Loris Libralon (nella foto) assicura di essere rimasto senza parola quando gli è stato comunicato il sequestro operato dalla Guardia di finanza di...

L'ex consigliere comunale di San Giorgio in Bosco Loris Libralon (nella foto) assicura di essere rimasto senza parola quando gli è stato comunicato il sequestro operato dalla Guardia di finanza di Cittadella: «Sembra tutto così assurdo», spiega Libralon. «C'è ancora un procedimento in corso e quindi non c'è nemmeno una sentenza. Non comprendiamo il senso di un sequestro preventivo. Abbiamo presentato ricorso contro il giudizio del Tribunale amministrativo regionale al Consiglio di Stato, ma ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

L'ex consigliere comunale di San Giorgio in Bosco Loris Libralon (nella foto) assicura di essere rimasto senza parola quando gli è stato comunicato il sequestro operato dalla Guardia di finanza di Cittadella: «Sembra tutto così assurdo», spiega Libralon. «C'è ancora un procedimento in corso e quindi non c'è nemmeno una sentenza. Non comprendiamo il senso di un sequestro preventivo. Abbiamo presentato ricorso contro il giudizio del Tribunale amministrativo regionale al Consiglio di Stato, ma ci risultat sia tutto ancora in atto. Ecco perché non riusciamo a capire il perché di questa operazione». Il Consiglio di Stato, a settembre, aveva fatto riaprire l’agriturismo Casabella fatto chiudere in precedenza dal Tar, che entrando nel merito aveva a suo tempo dato ragione alla Provincia: «Casabella non ha i requisiti per essere classificata come agriturismo», recitava la sentenza del Tribunale amministrativo. Ora la parola spetta al Consiglio di Stato. (p.pil.)