Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Secco no del M5S alla porcilaia

Il consigliere regionale Brusco: «Sempre più cemento e business»

STANGHELLA. Il M5S si schiera con comitati e cittadini contro l’ampliamento dell’allevamento di suini di via Correzzo. Il progetto, al vaglio della Provincia, prevede l’edificazione di otto moderne porcilaie, la sistemazione di viabilità interna e percorsi interni, la ristrutturazione del locale per la preparazione della broda e l’installazione di tre silos per il mangime. I capi, da quasi 4 mila, passeranno ad oltre 10 mila. «È l’ennesimo allevamento di grandi dimensioni», afferma il consi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

STANGHELLA. Il M5S si schiera con comitati e cittadini contro l’ampliamento dell’allevamento di suini di via Correzzo. Il progetto, al vaglio della Provincia, prevede l’edificazione di otto moderne porcilaie, la sistemazione di viabilità interna e percorsi interni, la ristrutturazione del locale per la preparazione della broda e l’installazione di tre silos per il mangime. I capi, da quasi 4 mila, passeranno ad oltre 10 mila. «È l’ennesimo allevamento di grandi dimensioni», afferma il consigliere regionale pentastellato Manuel Brusco, «che viene calato nel Padovano, esattamente come avviene in tutta la pianura veneta. Tra impianti a biogas e grossi allevamenti, la nostra terra sta diventando il luogo in cui si moltiplicano investimenti che sanno sempre più di cemento e business e sempre meno di agricoltura».

Brusco conferma il proprio appoggio all’attività che sta portando avanti il comitato Terre Nostre, che da anni si sta battendo per salvaguardare il più possibile il territorio. «Non si vuole demonizzare l’imprenditoria», aggiunge il consigliere, «è giusto che ci siano allevamenti, ma queste situazioni rappresentano una realtà che con il rispetto dell’ambiente e del territorio circostante hanno poco a che vedere. I camion distruggeranno la viabilità ordinaria e alzeranno polveri col loro transito, per non parlare degli odori nauseabondi e di tutte le ricadute negative, anche per gli animali, legate all’allevamento intensivo». (al.ce.)