Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il sindaco Milan invita Salvini «Chiuda il Centro profughi»

BAGNOLI. «Ho il lucchetto e la catena pronti, il nuovo ministro dell’Interno l’indirizzo lo conosce bene, visto che ci è già stato due volte. Lo aspetto a San Siro davanti all’ex base dell’Aeronautic...

BAGNOLI. «Ho il lucchetto e la catena pronti, il nuovo ministro dell’Interno l’indirizzo lo conosce bene, visto che ci è già stato due volte. Lo aspetto a San Siro davanti all’ex base dell’Aeronautica per la chiusura definitiva del centro di accoglienza migranti». Il sindaco Roberto Milan manda un messaggio chiaro al leader della Lea Matteo Salvini, ora a capo del Viminale: i tempi sono maturi per smantellare l’hub di Bagnoli, che oggi ospita circa 230 richiedenti asilo. «Potrebbero essere ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

BAGNOLI. «Ho il lucchetto e la catena pronti, il nuovo ministro dell’Interno l’indirizzo lo conosce bene, visto che ci è già stato due volte. Lo aspetto a San Siro davanti all’ex base dell’Aeronautica per la chiusura definitiva del centro di accoglienza migranti». Il sindaco Roberto Milan manda un messaggio chiaro al leader della Lea Matteo Salvini, ora a capo del Viminale: i tempi sono maturi per smantellare l’hub di Bagnoli, che oggi ospita circa 230 richiedenti asilo. «Potrebbero essere distribuiti nel giro di pochi giorni nella rete dell’accoglienza diffusa», aggiunge Milan, «e la base potrebbe essere chiusa entro giugno. Invito il ministro Salvini a Bagnoli per mettere questo lucchetto e soprattutto per consegnare la base alla collettività. Poco più di un anno fa contavamo oltre mille presenze a San Siro, è un’esperienza che non si deve ripetere. Già dopo le elezioni mi ero congratulato con Salvini e Di Maio, ora hanno l’occasione di agire». Da Agna il sindaco Gianluca Piva rilancia e chiede anche la chiusura di Conetta, ancora affollata: «Sul nostro territorio insistono ancora 800 profughi e finora abbiamo ricevuto solo promesse da marinaio». (n.s.)