Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Martedì l’addio all’istruttore di arti marziali

Cerimonia a Vanzo per Nicola Berto, spirato domenica scorsa a Este in un incidente stradale

SAN PIETRO VIMINARIO. Sarà dato martedì alle 16, nella chiesa parrocchiale di Vanzo, l’addio a Nicola Berto, il motociclista morto domenica pomeriggio a Este. Nel tardo pomeriggio di giovedì è arrivato il via libera dall’autorità giudiziaria una volta conclusi gli accertamenti di natura medico-legale e i famigliari del cinquantaduenne hanno potuto fissare la data del funerale. Nicola Berto, che viveva a Vanzo di San Pietro Viminario, è morto in sella alla sua Honda in seguito allo scontro c ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN PIETRO VIMINARIO. Sarà dato martedì alle 16, nella chiesa parrocchiale di Vanzo, l’addio a Nicola Berto, il motociclista morto domenica pomeriggio a Este. Nel tardo pomeriggio di giovedì è arrivato il via libera dall’autorità giudiziaria una volta conclusi gli accertamenti di natura medico-legale e i famigliari del cinquantaduenne hanno potuto fissare la data del funerale. Nicola Berto, che viveva a Vanzo di San Pietro Viminario, è morto in sella alla sua Honda in seguito allo scontro con una Fiat Panda, avvenuto lungo il tratto atestino di Padana Inferiore. La vettura ha iniziato una manovra di svolta e il motociclista - che arrivata dal senso opposto- non è riuscito a evitarla. L’uomo aveva lavorato come ispettore capo nella polizia penitenziaria della casa circondariale di Padova. Era attualmente in pensione. Si era dedicato da anni a coltivare la sua passione per le arti marziali, fondando anche la Scuola delle 9 Armonie di Conselve, realtà nata per promuovere la diffusione dell’arte marziale cinese e tibetana.

Con lui, a gestire la società, c’era anche il figlio Marco. «Mercoledì sera ci riuniremo come Scuola per onorare la memoria di mio papà, nostro maestro di arti marziali e di vita» annuncia il figlio «Sono invitati e saranno presenti tutti gli allievi che hanno seguito mio padre in questi anni». (n.c.)