Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Un seminarista e un eremita ordinati presbiteri in Duomo

PADOVA. Un seminarista e un eremita dell’eremo camaldolese del Monte Rua, domani alle 16.30 in Duomo saranno ordinati presbiteri dal vescovo Claudio (con loro nella foto). Si tratta del diacono del...

PADOVA. Un seminarista e un eremita dell’eremo camaldolese del Monte Rua, domani alle 16.30 in Duomo saranno ordinati presbiteri dal vescovo Claudio (con loro nella foto). Si tratta del diacono del seminario vescovile di Padova don Nicola Cauzzo, unico presbitero diocesano ordinato quest’anno, e di don Antonio Benzoni dell’ordine degli eremiti camaldolesi di Monte Corona, attualmente maestro dei novizi della comunità sui Colli. Don Nicola ha 25 anni, è originario della parrocchia dei Santi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Un seminarista e un eremita dell’eremo camaldolese del Monte Rua, domani alle 16.30 in Duomo saranno ordinati presbiteri dal vescovo Claudio (con loro nella foto). Si tratta del diacono del seminario vescovile di Padova don Nicola Cauzzo, unico presbitero diocesano ordinato quest’anno, e di don Antonio Benzoni dell’ordine degli eremiti camaldolesi di Monte Corona, attualmente maestro dei novizi della comunità sui Colli. Don Nicola ha 25 anni, è originario della parrocchia dei Santi Felice e Fortunato di Limena. Figlio unico, dopo il diploma di maturità al Curiel, nel 2012 è entrato in seminario Maggiore. I primi servizi li ha svolti nelle comunità di Bovolenta e Mejaniga. Don Antonio ha 40 anni ed è di Asnago di Cermenate (Como). Ha emesso la professione solenne nella comunità monastica della Ss.Trinità di Dumenza (Varese) nel 2007 e nel 2016 è passato all’ordine degli eremiti camaldolesi.

Gianni Biasetto