Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Allarme Coldiretti «Prati e vigneti sono a rischio»

Il violento nubifragio di ieri rischia di mettere in ginocchio anche l’agricoltura, in un periodo delicato, nel pieno di semine e fienagione. Ad essere allagati sono stati decine di ettari di campi e...

Il violento nubifragio di ieri rischia di mettere in ginocchio anche l’agricoltura, in un periodo delicato, nel pieno di semine e fienagione. Ad essere allagati sono stati decine di ettari di campi e vigneti a Limena, Vigodarzere e Cadoneghe, ma anche a Villafranca, Curtarolo e Campo San Martino. «Abbiamo raccolto le prime informazioni dagli agricoltori della zona, sorpresi dall’intensità e dalla violenza del temporale che si è abbattuto all’improvviso» precisa il direttore di Coldiretti Pad ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Il violento nubifragio di ieri rischia di mettere in ginocchio anche l’agricoltura, in un periodo delicato, nel pieno di semine e fienagione. Ad essere allagati sono stati decine di ettari di campi e vigneti a Limena, Vigodarzere e Cadoneghe, ma anche a Villafranca, Curtarolo e Campo San Martino. «Abbiamo raccolto le prime informazioni dagli agricoltori della zona, sorpresi dall’intensità e dalla violenza del temporale che si è abbattuto all’improvviso» precisa il direttore di Coldiretti Padova, Giovanni Roncalli. «La situazione è sotto controllo, ma ci sono decine di ettari allagati. Nei prati stabili siamo nel pieno della fienagione e la pioggia così violenta, insieme agli allagamenti, rischia di compromettere parte del raccolto, in particolare sotto il profilo della qualità. Chi sta seminando soia o mais è costretto a fermarsi, mentre chi lo ha già fatto ora teme che la pioggia battente possa indurire il terreno e impedire alle gemme di sbocciare uniformemente. Non abbiamo segnalazioni di danni da grandine, ma nei vigneti ora bisogna correre ai ripari contro lle malattie fungine, favorite dalla presenza d’acqua». (cri.s.)