Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Tutto quello che c'è da sapere sul River Film Festival 2018

Da martedì 29 maggio torna il grande cinema in riva al Piovego: un mese di proiezioni e molte novità

PADOVA. Decine i film già premiati nei maggiori festival internazionali 132 cortometraggi provenienti da 34 Paesi, eventi speciali, registi, attori e produttori presenti alle serate di anteprima e agli eventi speciali: con questi numeri da martedì 29 maggio a sabato 30 giugno torna a Porta Portello il River Film Festival, per il dodicesimo anno e con l’edizione probabilmente più ricca mai realizzata. Quest'anno, poi, con la media partnership del Mattino di Paadova nell'ambito delle iniziativ ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Decine i film già premiati nei maggiori festival internazionali 132 cortometraggi provenienti da 34 Paesi, eventi speciali, registi, attori e produttori presenti alle serate di anteprima e agli eventi speciali: con questi numeri da martedì 29 maggio a sabato 30 giugno torna a Porta Portello il River Film Festival, per il dodicesimo anno e con l’edizione probabilmente più ricca mai realizzata. Quest'anno, poi, con la media partnership del Mattino di Paadova nell'ambito delle iniziative per i suoi 40 anni.

Il River Film Festival torna ad animare le serate al Portello di Padova

Innanzitutto nella durata: le tradizionali due settimane di proiezioni quest’anno raddoppiano con un’offerta di opere – in concorso e non – senza precedenti. Per oltre un mese porta Portello diventerà il palcoscenico più qualificato in Italia per le migliori espressioni dello short cinema internazionale.

Da sinistra Cagnan, Aimone, Colasio, Della Chiesa, Bevilacqua

Molte le novità importanti.

A partire dalla sezione River Anteprima, curata da Laura Aimone, collaboratrice di festival internazionali come la Mostra del Cinema di Venezia e la Berlinale e già membro di giuria di importanti festival internazionali in Portogallo, Finlandia, Slovacchia e Tasmania, che propone fuori concorso quattro lungometraggi di grande forza espressiva. Questi film saranno presentati al pubblico del RiFF dai loro registi e attori.

River Film Festival: tutte le novità dell'edizione 2018 al Portello

Dopo ulteriori tre serate di Eventi Speciali (l’8, il 13 e il 14 giugno), il concorso prenderà il via con una sezione nuova di zecca, Country in Focus, che quest’anno sarà dedicata all’Iran. La scelta è caduta su questo giovane Paese per la sua vivacità produttiva e per l’originalità dei temi trattati, che lo pongono oggi come l’erede del Neorealismo.

Tutto il programma, clicca qui

La stessa giuria del festival, come sempre composta da autorevoli donne e uomini di cinema, sarà presieduta dal regista persiano Mahmoud Reza Sani. Sette, dunque, saranno le categorie in concorso: Country in Focus (le opere iraniane concorreranno anche nella sezione Corti internazionali), Scuole di cinema, Corti italiani, Corti internazionali, Animazione, Documentari e Extreme Short (categoria, quest'ultima, votata solo dal pubblico).

RIVER ANTEPRIMA

River Anteprima: al Portello quattro film da non perdere

In attesa delle proiezioni delle opere in concorso (dal 15 al 30 giugno), ci saranno le 4 serate di River Anteprima. Orario come sempre alle ore 22, con queste date:

  • Martedì 29 maggio ROCKABUL di Travis Beard (Afghanistan-Australia-India-Turchia-Boznia & Herzegovina 2018) 
  • Giovedì 31 maggio LA NOTTE NON FA PIU’ PAURA di Marco Cassini (Italia 2016)
  • Martedì 5 giugno DORST di Saskia Diesing (Olanda 2018)
  • Giovedì 7 giugno BAGLAR di Berke Bas e Melis Birder (Turchia 2016)

Al Portello River Film festival, film recenti con giovani registi

EVENTI SPECIALI FUORI CONCORSO

Dopo River Anteprima, e sempre prima dell’avvio ufficiale del Festival, ci saranno altri 4 eventi speciali fuori concorso, naturalmente tutti a ingresso libero come le altre serate del RiFF.

  • Venerdì 8 giugno, ore 21,30 21:30 RIVER REMEMBRANCE “KOBAL LIDIA” 22:00 ANIME GALLEGGIANTI – Reading di Massimo Zamboni
  • Mercoledì 13 giugno, ore 22 IN ANOTHER LIFE Jason Wingard / Regno Unito 2017 / 84 min.
  • Giovedì 14 giugno, ore 22 CHACUN SON CINEMA Gilles Jacob / Francia 2007 / 120 min.
  • Sabato 30 giugno ore 21.30 EVENTO DI CHIUSURA Dopo la premiazione, proiezione speciale del film SYIAMO e, a seguire, omaggio a Ermanno Olmi, recentemente scomparso, con la proiezione di GENESI. LA CREAZIONE E IL DILUVIO.

La magia del cinema notturno su "zattera" al Portello

Su facebook del Mattino il programma di ogni serata

Grazie alla partnership tra il River Film festival e il Mattino, tutti i giorni di programmazione della rassegna potrete trovare sulla pagina facebook del mattino - cliccate qui - una veloce videopresentazione del programma del giorno, con una sintesi ragionata a cura di Enrica Guzzonato.

Vai al sito ufficiale del River Film Festival

Una selezione del programma

A cominciare i film fuori concorso della sezione River Anteprima, un lungometraggio al giorno a partire, martedì alle 22, da Rockabul di Travis Beard, sogni e vita di una rock band afghana; seguiranno giovedì 31 La notte non fa più paura, i postumi del terremoto dell'Emilia Romagna raccontati da Marco Cassini, il 5 giugno Dorst, storia di madre e figlia con un linguaggio davvero splendido, firmato dall'olandese Saskia Diesing, e infine il 7 giugno da Baglar, sport e nuova vita nello sconvolto Kurdistan turco, regia di Berke Bas e Melis Birder.

Seguiranno poi tre eventi speciali, a partire l'8 giugno alle 21.30 da River Remembrance, in memoria di Lidia Kobal, personaggio storico del quartiere Portello, e Anime Galleggianti, reading musicale che il chitarrista ex Csi Massimo Zamboni le dedica. Il 13 si tornerà alle 22, con In another life, fuga dal nord della Siria per la regia di Jason Wingard, e giovedì 14 con il collettivo Chacun Son Cinema; venerdì l'Iran comincerà il concorso vero e proprio: a partire dalle 22 Ara di Yousef Kargar, il già pluripremiato Retouch di Kaveh Mazaheri, insolita liberazione per una donna oppressa, e ancora Neither you nor me di Sepideh Mirhosseini, Dive di Hosseini Darabi, Autumn leaves di Mehdi Fard Ghaderi, Peshar dog di Alireza Mohammadian e Manicure di Arman Fayaz.

Sabato 16 scatterà la sezione Scuole di Cinema, con diciassette proiezioni scaglionate fino a lunedì 18 fra cui lo splendido Blessed days, commovente percorso di una donna per accettare la perdita del marito per la regia di Valentina Casadei, l'israeliano She'eriot di Yael Arad Zafir e il pittorico The bird sings with its fingers di Mila Fakhurdinova. I corti italiani cominceranno martedì 19 per due giorni: fra i titoli La barba di Alfredo Mazzara, il fantascentifico Stella 1, di Roberto D'Ippolito e Gaia Bonsignore e Scent of the stars di Francesco Felli, con Alessandro Haber.

Ben 33 i titoli in concorso per la sezione Corti Internazionali, dal 21 al 25 giugno, con film fra cui il turco Iku yaka yarim ask di Nurdan Tumbek Tekeoglu e il britannico Kubrick by candlelight di David O'Rilley, mentre quindici saranno i titoli della sezione Corti d'Animazione, tutti in programma per il 26 giugno.

Particolare attenzione alla sezione Documentari, il 27 e 28 giugno: undici titoli fra cui l'interessante The boy who made a museum di Sergio Utsch, mentre ben 31 saranno le opere a concorrere nella sezione Extreme Shorts, corti non più lunghi di cinque minuti il 29 giugno.

Sabato 30 giugno alle 21.30 scatterà la premiazione, seguita da uno spicchio di cuore in due film: il primo, alle 22.30, sarà Syamo, documentario di Reza Sani a raccontare la ricerca di un amore perduto in Afghanistan. La seconda, alle 23, per i compianti Ermanno Olmi e Pit Formento (scrittore e regista scomparso lo scorso ottobre) a cui il River Film Festival dedica la proiezione del making of del suo filmi Genesi: la creazione e il diluvio, in esclusiva assoluta. (Riccardo Cecconi)