In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Tre libri in 500 battute ciascuno: Targhetta, Kadish e Bythell

Letture in pillole: le recensioni della scuola di scrittura padovana MacAdemia

1 minuto di lettura

PADOVA. Studiare la letteratura, come si legge e come si scrive. Ecco gli obiettivi di MacAdemia – ww.macademia.it – accademia di scrittura padovana, che ci propone le sue “Letture in pillole”.

1.Le vite potenziali, di Francesco Targhetta, Mondadori Con sguardo poetico l’autore trevigiano racconta la vita quotidiana di tre nerd del Nord-Est, che grazie alla propria attività in un’azienda informatica, imparano a sopravvivere nel mondo reale dove niente è come la Rete; niente è “conoscibile e catalogabile”. Tre vite e tre differenti visioni del mondo unite nel considerare i problemi della “quotidianità lavorativa” come l’unica possibilità di realizzazione dell’uomo. Il tutto, sullo sfondo dell’abbraccio materno della Rete.

2.Il peso dell’inchiostro, di Rachel Kadish, Neri Pozza Un tuffo nella storia ebraica della Londra del XVII secolo e un’indagine avvincente condotta da Helen Watt, storica ebraica, nel passato di un rabbino reso cieco dall’inquisizione. Il ritrovamento di antichi documenti porterà Helen sulle tracce dello scriba che ha tradotto i pensieri del rabbino e che si firma semplicemente con la lettera ebraica aleph. Ma aleph non è uno studente bensì una giovane donna ebrea: Ester Velasques. Una donna che ha lottato per la propria indipendenza e per la ricerca della conoscenza!

3.Una vita da libraio, di Shaun Bythell, Einaudi Storia autobiografica di un libraio che, contro ogni buon senso, decide di prendere in gestione la libreria di un piccolo villaggio scozzese. Scritto con ironia e sagacia, il libro racconta giorno per giorno le difficoltà e le avventure vissute per procurarsi la merce, cioè i libri usati, e per riuscire a rivendere questi ultimi a clienti spesso insolenti e a volte truffaldini. E poi c’è Nicky la sua eccentrica assistente, che vive in tuta da sci e prepara manicaretti, specialmente al venerdì.

I commenti dei lettori