Barbierato e Soranzo litigano in strada

Battibecco su Kursaal e Iat al banchetto dell’Ascom. Il sindaco: «Fatti e non chiacchiere». Il presidente: «Non minacciare»

ABANO TERME. Sindaco e presidente della Provincia che si affrontano a muso duro per strada, davanti a un pubblico imbarazzato quanto interessato. Non capita di frequente ma è successo ieri mattina ad Abano, al banchetto allestito dall’Ascom a sostegno di varie iniziative, ma in particolare per chiedere la rimessa in sesto del Kursaal da parte della Provincia. Non è capitato per caso: Enoch Soranzo sapeva benissimo, quando è arrivato ad Abano, che avrebbe trovato il sindaco Federico Barbierato al gazebo Ascom. E il clima fra i due si era già surriscaldato sulle pagine dei giornali, prima per il fastidio con cui il Comune di Abano, e gli aponensi in generale, vivono lo stato di abbandono e di degrado del “fu” Gran Caffè delle Terme e del giardino che lo circonda, poi per la polemica sulla necessità – ora– di pagare un canone di locazione per gli uffici Iat dei comuni termali, che appartengono pure questi alla Provincia.

Ci sono state le foto di rito, con sorrisi di circostanza in favore di fotografo, ma sono volate battute taglienti fra i due, sotto gli occhi dei vertici di Ascom, il presidente Patrizio Bertin in testa, e della tanta gente che ogni mercoledì affolla la piazza per il mercato settimanale.


La presenza di Soranzo (giunto a firmare la petizione per il recupero del Kursaal) ha irritato il primo cittadino di Abano, dopo che il presidente della Provincia aveva detto allo stesso Barbierato di non aver gradito alcune dichiarazioni rilasciate alla stampa in merito al Kursaal stesso e alla questione uffici Iat. «Invece di contestare cerca di risolvere i problemi» ha detto più volte il sindaco di Abano a Soranzo. «Soranzo è venuto a firmare una petizione sul Kursaal che poi arriverà sul suo tavolo» ha poi aggiunto Barbierato ai giornalisti «In più sull’ingresso nell’Ogd della Provincia per esentarci dal pagamento dei canoni d’affitto sugli uffici Iat credo abbia già risposto in modo eloquente il presidente dell’Ogd Terme e Colli Riccardo Mortandello. Bene comunque che Soranzo sia venuto a firmare, obiettivo raggiunto. Ma ora è il tempo dei fatti e non delle chiacchiere».

Il presidente della Provincia non ha gradito l’atteggiamento di quello che è anche un collega (Soranzo è pure sindaco di Selvazzano). «Non accetto che il sindaco di Abano si rivolga con quei toni minacciosi nei miei confronti, dato che rappresento due istituzioni» ha detto Soranzo «La Provincia sta facendo tutto il possibile per risolvere i problemi e la mia presenza ad Abano è dettata dal fatto che ritengo la sottoscrizione di Ascom giusta e valida. Il 21 giugno ci sarà l’udienza in relazione alla nostra diffida nei confronti del Cvcs, consorzio che aveva preso in gestione il Kursaal quando non c’ero io. Faremo presente che la Provincia avanza 100 mila euro tra canoni non pagati e spese varie. Cercheremo poi di riavere il possesso del bene (sotto sequestro dopo il fallimento della Kursaal Srl, società che derivava dal Cvcs, ndr). In merito all’illuminazione dei giardini c’è stato un sopralluogo e il problema sarà risolto. Quando arrivano le segnalazioni…». «Sono settimane che avevamo segnalato il problema! » , ha ribattuto Barbierato. Sugli uffici Iat: «Secondo normativa di legge ora dobbiamo far pagare i canoni di occupazione dei nostri uffici ai Comuni» ha sostenuto Soranzo «Sempre secondo normativa di legge l’unico sistema per esentare i Comuni dal pagamento degli affitti, che annualmente ammontano tra Abano e Montegrotto a 60 mila euro, è l’ingresso della Provincia nell’Ogd Terme e Colli».

Ha provato a fare da paciere il presidente di Ascom Padova Patrizio Bertin, che ha “preteso” di offrire il caffé ad entrambi, portandoli al bar per un chiarimento a quattr’occhi.

Video del giorno

Cherchi: ex della Mala del Brenta invecchiati ma ancora molto pericolosi

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi