Trapianto-bis, via libera da Padova

Campo San Martino: a un 38enne servono rene e fegato, gara di solidarietà

CAMPO SAN MARTINO. La buona notizia è arrivata, Kadir Salibasic finalmente è stato dichiarato trapiantabile.

Il trentottottenne bosniaco, affetto da epatite di tipo C, nel 2001 dopo che il suo caso venne preso a cuore dai volontari di Campo San Martino, subì a Padova un trapianto di rene e fegato. A distanza di 17 anni, Kadir necessita di un nuovo trapianto di rene.


Superate le visite previste all’Ospedale di Padova, Kadir è ora in lista d’attesa. Per lui il gruppo SconfinaMenti di Campo San Martino, del comitato di Sostegno alle forze e iniziative di Pace, ha aperto un conto corrente per la raccolta fondi che permetterà a Kadir di pagare l’intervento.

Almeno 60 mila euro è stimato il costo del trapianto: «La raccolta fondi bosniaca è arriva a 40 mila euro» spiega Milo Lucatello, coordinatore del comitato, « Ora ne restano da raccogliere più o meno 20 mila. È stato aperto un conto corrente nella filialed di Banca Prossima per la raccolta fondi (Iban: It88R0335901600100000159274 Bic: Bcititmx). Salvare una vita umana non ha prezzo. Kadir è una presenza preziosa, un punto di riferimento importante nel villaggio di Gornja Orahovica. Oltre ad offrire ospitalità ai nostri volontari facilita i rapporti con le realtà locali grazie alla sua conoscenza dell’italiano e alla sua grande disponibilità. Nonostante la dialisi, si impegna in tre lavori per mantenere la famiglia e pagare le cure quotidiane».

Il comitato animato da Lucia Zanarella opera in Bosnia a partire dal 1993 con Gracanica come punto di riferimento. In quest’area insiste anche il villaggio di Gornja Orahovica, da dove proviene Kadir, ed è stato questo il primo ad essere “adottato” dai volontari padovani per prestare soccorso ai profughi vittime della guerra nell’ex Jugoslavia.

Martina Mazzaro

Video del giorno

Cherchi: ex della Mala del Brenta invecchiati ma ancora molto pericolosi

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi