Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Comprava e vendeva soldi falsi Condannato

ESTE. Acquistava e vendeva banconote false attraverso internet e le spendeva. Davanti al giudice ha spiegato il perché: voleva rendersi indipendente. Ha patteggiato ieri 2 anni e 400 euro William...

ESTE. Acquistava e vendeva banconote false attraverso internet e le spendeva. Davanti al giudice ha spiegato il perché: voleva rendersi indipendente. Ha patteggiato ieri 2 anni e 400 euro William Toniolo, 20 anni di Este, arrestato a marzo di un anno fa.

Il giovane atestino era stato “pescato” a spendere banconote false a Lozzo Atestino. Pezzi da 20 e da 50 euro. Un’indagine, venuta a galla grazie ad alcuni controlli messi in atto dalla polizia austriaca su un conto corrente, aveva permesso ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ESTE. Acquistava e vendeva banconote false attraverso internet e le spendeva. Davanti al giudice ha spiegato il perché: voleva rendersi indipendente. Ha patteggiato ieri 2 anni e 400 euro William Toniolo, 20 anni di Este, arrestato a marzo di un anno fa.

Il giovane atestino era stato “pescato” a spendere banconote false a Lozzo Atestino. Pezzi da 20 e da 50 euro. Un’indagine, venuta a galla grazie ad alcuni controlli messi in atto dalla polizia austriaca su un conto corrente, aveva permesso di risalire al ventenne. Che, stando a quanto raccolto dalla forze dell’ordine, comprava quelle banconote false grazie ad un commercio con la Campania attivato nel “deep web”, per cui il ragazzo utilizzava solo bitcoin, la moneta virtuale: su ogni banconota venduta il diciannovenne - sempre stando alle indagini - guadagnava 2 euro di “commissione”.

Toniolo era accusato di falsificazione, spendita e introduzione nello Stato, senza concerto, di monete falsificate. Il patteggiamento è avvenuto in Tribunale a Rovigo. (n.c.)