Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’Alleanza per le famiglie mette in rete la Saccisica

PIOVE DI SACCO. È stato formalizzata a Palazzo Jappelli l’Alleanza per le famiglie: una grande concertazione che vede coinvolti sette Comuni (Piove di Sacco, Arzergrande, Codevigo, Legnaro,...

PIOVE DI SACCO. È stato formalizzata a Palazzo Jappelli l’Alleanza per le famiglie: una grande concertazione che vede coinvolti sette Comuni (Piove di Sacco, Arzergrande, Codevigo, Legnaro, Polverara, Pontelongo e Sant’Angelo di Piove), quattro vicariati (Piove di Sacco, Arzergrande, Legnaro e Pontelongo) con le proprie scuole paritarie, sei istituti comprensivi, oltre a tutte le scuole superiori, l’Enaip e le cooperative Magnolia e Caresà. L’obiettivo? Fare rete sulle tematiche dell’educaz ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PIOVE DI SACCO. È stato formalizzata a Palazzo Jappelli l’Alleanza per le famiglie: una grande concertazione che vede coinvolti sette Comuni (Piove di Sacco, Arzergrande, Codevigo, Legnaro, Polverara, Pontelongo e Sant’Angelo di Piove), quattro vicariati (Piove di Sacco, Arzergrande, Legnaro e Pontelongo) con le proprie scuole paritarie, sei istituti comprensivi, oltre a tutte le scuole superiori, l’Enaip e le cooperative Magnolia e Caresà. L’obiettivo? Fare rete sulle tematiche dell’educazione e del sostegno di genitori e ragazzi in età adolescenziale.

Il lavoro, che ha trovato ora la sua ufficialità, è iniziato quasi due anni fa e con il tempo il numero degli attori coinvolti è cresciuto. Ci ha creduto anche la Regione che attraverso due bandi ha messo a disposizione 42 mila euro. «Questo lavoro di gruppo» ha detto l’assessore Paola Ranzato «è un fatto storico per la Saccisica. Ora è importante stabilizzarlo, indipendentemente da chi gestirà i singoli tavoli. Le porte sono aperte anche a quei Comuni che al momento non hanno aderito». «È un impegno» ha inoltre commentato don Giorgio De Checchi, vicario foraneo dell’Unità pastorale piovese «a prescindere, visto che siamo partiti dal nulla quasi due anni con risorse modeste». (al.ce.)