Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Barchesse e fattorie nella terra di paludi

Correzzola è un centro di poco più di 5mila abitanti, con un andamento demografico a parabola. Ne aveva meno di 4mila al momento dell’annessione del Veneto all’Italia, poi era salito fino a oltre...

Correzzola è un centro di poco più di 5mila abitanti, con un andamento demografico a parabola. Ne aveva meno di 4mila al momento dell’annessione del Veneto all’Italia, poi era salito fino a oltre 9mila alla vigilia della seconda guerra mondiale; da lì è iniziato un declino arrivato più o meno ai livelli attuali all’inizio degli anni Settanta. Conta quattro frazioni: Brenta d’Abbà, Civè, Concadalbero, Villa del Bosco. È terra letteralmente strappata alle acque, che conta una vasta estensione, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Correzzola è un centro di poco più di 5mila abitanti, con un andamento demografico a parabola. Ne aveva meno di 4mila al momento dell’annessione del Veneto all’Italia, poi era salito fino a oltre 9mila alla vigilia della seconda guerra mondiale; da lì è iniziato un declino arrivato più o meno ai livelli attuali all’inizio degli anni Settanta. Conta quattro frazioni: Brenta d’Abbà, Civè, Concadalbero, Villa del Bosco. È terra letteralmente strappata alle acque, che conta una vasta estensione, oltre 42 chilometri quadrati. L’economia è basata in larga prevalenza sull’agricoltura, e in particolare sulle colture dell’asparago e del radicchio rosso. Reca forti le tracce della cultura benedettina, la cui espressione più tipica è la Corte, che vanta il primato di essere il più grande insediamento rurale del Veneto, forse costruito su progetto dell’architetto Andrea Moroni. Suggestivi i luoghi legati a essa che sorgono nelle vicinanze: dalla barchessa della Vanezza a Concadalbero alle fattorie di San Prosdocimo, San Filippo e San Nicolò. Infine, una visita va riservata a villa Sartori, a Brenta d’Abbà, esempio di casa veneziana del tardo Seicento. (f. j.)