Il professor Buciuni: «Nuove Pmi: il modello è Dublino»

Giulio Buciuni è un cervello emigrato in Irlanda, oggi professore al Trinity College: "I colossi hi-tech a Dublino sono 250 per 10 mila occupati. Perché Luxottica e Benetton non creano un ecosistema come Google e FB?"

VENEZIA. Modello Dublino anche a Nordest? Perché no. Giulio Buciuni è un cervello emigrato in Irlanda: oggi vive a cavallo tra il profondo veneto (è originario di Oderzo) e la nuova frontiera europea di Dublino. La Repubblica d’Irlanda ha 4 milioni di cittadini, quasi come il Veneto: Dublino ne conta 1,2 di milioni, più o meno come l’area centrale veneta. Ma i parallellismi sono finiti qui, cattolicesimo a parte. Le storie industriali sono ben diverse e nella Repubblica verde la manifattura se n’è andata da mo’.

La grande differenza però, più che nel passato, è nella tensione al futuro.

«Qui nascono continuamente idee e il fermento è contagioso – dice Buciuni, docente al Trinity College Dublin – invece, quando torno, osservo un nucleo di note imprese manifatturiere tirare avanti ma fatico nel vedere l’emersione di nuovi settori e giovani imprenditori e ho grande preoccupazione per il ciclo di vita del made in Italy, alcune fra 20 anni forse non ci saranno più e serve una nuova base di imprenditori».



Dublino non è la Silicon Valley ma, racconta Buciuni, ospita 1.200 nuove imprese e nel 2016 ha investito 890 milioni attraverso fondi privati e agenzie pubbliche. «C’è un’agenzia pubblica che si chiama Enterprise Ireland che offre corsi accelerati per diventare imprenditori e diversi bandi, di uno pensato per le donne: i finanziamenti pubblici in nuove imprese sono importanti, parliamo di 15-20 milioni». La politica industriale irlandese ha attirato in città i grandi big tax-free con un impatto occupazionale notevole. «Stanno creando un ecosistema imprenditoriale attraverso una serie di iniziative a favore dell'imprenditorialità locale» spiega il professore. Parliamo di Google, FB, Linkedin, AirB&B, Amazon.

Difficile che questi sbarchino con sedi in Veneto ma Buciuni dice: «Perché un ruolo affine non lo creano i nostri big come Benetton, Luxottica o De’Longhi?».

I colossi hi-tech a Dublino sono 250 per 10 mila occupati: «Persone che vivono a Dublino e possono uscire da Google e creare spin off; fanno circolare idee, coinvolgono le università e portano gli studenti in azienda». Non lo dice solo Buciuni.

L’Economist ha rilevato il fondamentale ruolo delle istituzioni e dei big nel favorire la nascita e la crescita di distretti e ecosistemi. Il laissez faire non funziona ma «neanche le idee calate dall’alto come il caso delle nanotecnologie o dei FabLab» ricorda il docente: “Il successo di un ecosistema imprenditoriale sta nella sua eterogeneità. Qui c’è la consapevolezza di fare qualcosa di grande e c’è il ruolo del pubblico. In Veneto questi elementi non li vedo: i big locali non mi sembrano coinvolti nelle decisioni strategiche e iniziative regionali. Le imprese venete devono ripensare al proprio ruolo: si potrebbe partire dal turismo, pensando a nuove offerte per valorizzare e sfruttare le colline del prosecco. Ma perché non creare un fondo di investimento dove anche un privato possa metterci dei soldi?».

di Eleonora Vallin
 

Vellutata di asparagi al latte di cocco

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi