Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Siglato l’accordo per gli sconti negli asili nido di 5 Comuni

PIAZZOLA SUL BRENTA. Dopo l’albo delle baby sitter e dei tutor arrivano gli sconti sulla retta di frequenza dell’asilo nido. È la seconda azione concreta messa in atto da comune di Piazzola, capofila...

PIAZZOLA SUL BRENTA. Dopo l’albo delle baby sitter e dei tutor arrivano gli sconti sulla retta di frequenza dell’asilo nido. È la seconda azione concreta messa in atto da comune di Piazzola, capofila del progetto “Alleanza per la famiglia” che vede in rete altri 4 comuni (Villafranca, Limena, Campodoro e Campo San Martino) e 16 partner privati, tra cui associazioni sindacali e datoriali, ordini professionali, Camera di Commercio ed enti bilaterali. L’accordo è stato sottoscritto la settimana ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PIAZZOLA SUL BRENTA. Dopo l’albo delle baby sitter e dei tutor arrivano gli sconti sulla retta di frequenza dell’asilo nido. È la seconda azione concreta messa in atto da comune di Piazzola, capofila del progetto “Alleanza per la famiglia” che vede in rete altri 4 comuni (Villafranca, Limena, Campodoro e Campo San Martino) e 16 partner privati, tra cui associazioni sindacali e datoriali, ordini professionali, Camera di Commercio ed enti bilaterali. L’accordo è stato sottoscritto la settimana scorsa ed è già operativo. Il comune ha previsto uno sconto del 10% sulla retta di frequenza del nido comunale Piccoli Passi per i genitori dipendenti di aziende che attivano welfare aziendale e hanno sede nei 5 comuni partner. I comuni dell’Alleanza stanno definendo il paniere dei servizi del territorio, pubblici e privati, utili alla conciliazione vita-lavoro delle famiglie offrendo alle aziende la possibilità di stipulare convenzioni per erogare ai propri dipendenti servizi alla famiglia. Un sistema che consente alle aziende di riconoscere benefit sociali ai lavoratori con una ricaduta diretta sul territorio. Come appunto una riduzione di una retta scolastica che incide sulle tasche della famiglia e allo stesso tempo promuove un servizio per l’infanzia. In futuro, il paniere potrà riguardare molteplici servizi, da quelli scolastici come trasporto e mensa, a quelli sportivi, fino alle prestazioni sociosanitare e ai buoni spesa o carburante. «Si tratta di un piano strategico, tra i primi a livello nazionale» spiega l’assessore alle pari opportunità Nicol Ranzato, anima dell’Alleanza «che ha come obiettivo principale quello di facilitare lo sviluppo del secondo welfare delle aziende locali che si convenzionano. La regia è dei comuni, che vogliono potenziare i beni ed i servizi del territorio, favorendone l’accesso per le famiglie. Allo stesso tempo si fornisce uno strumento utile alle piccole e medie aziende per una facile applicazione degli sgravi fiscali. I benefit, a differenza dei premi produttività, non sono tassati, un vantaggio sia per l’impresa che per il lavoratore». Alla firma erano presenti i sindaci Enrico Zin, Luciano Salvò e Massimo Ramina, i 5 assessori ai Servizi sociali e le organizzazioni. «Facciamo appello alle aziende per concretizzare questa alleanza per un welfare aggiuntivo e non sostitutivo» hanno concluso Francesca Pizzo e Alessandra Stival (Cisl e Cgil).

Paola Pilotto