Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Anni d’affitto arretrato, congelato lo sfratto

La 65enne di Galliera oggi dovrebbe fare i bagagli, ma il sindaco frena e cerca un’altra via d’uscita

GALLIERA VENETA. L'inquilina non paga il canone e il Comune procede per la decadenza dell'assegnazione dell'alloggio, la donna fa ricorso, oggi dovrebbe essere eseguito lo sfratto, ma il sindaco Stefano Bonaldo tranquillizza: «I vigili oggi non cacceranno nessuno».

Una lunga querelle, quella aperta tra il municipio di Galliera Veneta e A.F., 65 anni tra meno di un mese. La donna, da tempo con problemi di salute e in difficoltà economiche, pagava attraverso il lavoro la sua quota mensile per v ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

GALLIERA VENETA. L'inquilina non paga il canone e il Comune procede per la decadenza dell'assegnazione dell'alloggio, la donna fa ricorso, oggi dovrebbe essere eseguito lo sfratto, ma il sindaco Stefano Bonaldo tranquillizza: «I vigili oggi non cacceranno nessuno».

Una lunga querelle, quella aperta tra il municipio di Galliera Veneta e A.F., 65 anni tra meno di un mese. La donna, da tempo con problemi di salute e in difficoltà economiche, pagava attraverso il lavoro la sua quota mensile per vivere nella casa popolare: si occupava, infatti, delle pulizie di immobili del Comune.

Il problema si è determinato quando, nel giugno 2016, l'amministrazione ha deciso di affidarsi a una cooperativa ed ha chiesto un corrispettivo di locazione per il periodo che va dal 2008 al 2015 di oltre 6 mila euro. Soldi che l'anziana non possiede.

A inizio dicembre dello scorso anno si è aperto il procedimento di decadenza dell'assegnazione dell'alloggio e oggi si sarebbe dovuto avere il rilascio della struttura, con la 65enne costretta a fare i bagagli.

Dal canto suo, il sindaco Stefano Bonaldo fa sapere che «non eseguiremo nessuno sfratto, io non metterò mai una donna anziana e malata in mezzo a una strada. Tutto quello che abbiamo fatto», ribadisce l'amministratore comunale, «è stato inviare a una persona, che da due anni non paga l'affitto, un'ordinanza dove la invitiamo a liberare l'appartamento visto il suo stato moroso».

Il punto è che la signora A.F. non sa dove andare. E, come ribadisce il suo legale, in caso di sfratto il Comune sarebbe comunque tenuto a intervenire ai sensi dell'articolo 32 della Costituzione per tutelarne il diritto alla salute e a garantirle assistenza.

Bonaldo, quindi, si confronterà con il segretario comunale «per intraprendere eventualmente una strada legale». «La signora ha tre figlie», insiste il sindaco, «mi stupisce che nessuna di loro si faccia carico della mamma». (s.b.)