Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Falcia il mio cane e fugge via Impunito il pirata»

Abito a Rubano e il 24 gennaio scorso, come ogni sera, con il mio amico a quattro zampe eravamo in passeggiata. Erano le 21. 35 quando, fermi al semaforo pedonale di via Roma di fronte alla chiesa a...

Abito a Rubano e il 24 gennaio scorso, come ogni sera, con il mio amico a quattro zampe eravamo in passeggiata. Erano le 21. 35 quando, fermi al semaforo pedonale di via Roma di fronte alla chiesa a ridosso della Sr11, stavamo aspettando che si illuminasse il verde. Quando è scattato il verde, ci siamo incamminati sulle strisce pedonali e improvvisamente un’autovettura proveniente da Mestrino sulla Sr11, svoltando a sinistra per immettersi in via Roma, ha centrato in pieno il cane che mi pre ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Abito a Rubano e il 24 gennaio scorso, come ogni sera, con il mio amico a quattro zampe eravamo in passeggiata. Erano le 21. 35 quando, fermi al semaforo pedonale di via Roma di fronte alla chiesa a ridosso della Sr11, stavamo aspettando che si illuminasse il verde. Quando è scattato il verde, ci siamo incamminati sulle strisce pedonali e improvvisamente un’autovettura proveniente da Mestrino sulla Sr11, svoltando a sinistra per immettersi in via Roma, ha centrato in pieno il cane che mi precedeva di mezzo metro.

In seguito al forte colpo, il cane è volato in avanti e il guinzaglio mi è scivolato dalla mano: è accaduto tutto in un attimo. Preso dal forte spavento il cane è fuggito sulla Sr11 e istintivamente gli sono corso dietro per evitare che finisse sotto le auto.

Dopo un rocambolesco inseguimento zigzagando tra le auto in corsa, sono riuscito a recuperare il cane e tornato sul luogo dell’impatto, con mio grande sgomento, ho constatato che l’investitore si era dileguato.

Un testimone fermo al semaforo, dopo aver preso il numero di targa mi ha confermato che, subito dopo l’impatto, il conducente era scappato. La sera stessa ho chiamato i carabinieri i quali mi hanno consigliato di recarmi in caserma fare denuncia.

Il cane fortunatamente è rimasto illeso, ed è proprio per questo motivo che le forze dell’ordine non possono intervenire nei confronti dell’investitore che, scappando, ha commesso un’omissione di soccorso perseguibile per legge anche nei confronti degli animali. Lo stesso giorno ho portato il cane dal veterinario che ha constatato che non ha subito lesioni.

Su consiglio del veterinario ho contattato i vigili urbani di Selvazzano Dentro che hanno competenza anche a Rubano. Ho esposto loro i fatti e mi hanno confermato come, poichè il cane non ha subito lesioni, non possono intervenire contro il pirata della strada.

E mi ritrovo con un pugno di mosche in mano. Da una parte la gioia perché il mio cane non è rimasto ferito, dall’altra una forte amarezza perché pur avendo il numero di targa dell’auto investitrice, nome, cognome e indirizzo del proprietario, numero di polizza e testimonianza di una telecamera del comune che confermava che alle 21.37 quel veicolo transitava proprio in via Roma, non si possa fare niente per sanzionarlo e punirlo per la sua negligenza (detta con parole diplomatiche). La legge prevede che solo nel caso un animale subisca lesioni l’investitore sia tenuto a risarcire.

Nel mio caso, quindi, nonostante l’investitore si sia dileguato dopo l’incidente ha la “fortuna” di non essere sanzionabile per omissione di soccorso semplicemente perché non ho una ricevuta veterinaria che attesta che il mio cane è stato ferito.

Trovo questa cosa profondamente ingiusta. Non mi resta che informare i giornali per far conoscere alla gente di quanto facilmente una persona che investe con l’auto un cane al guinzaglio sulle strisce pedonali col semaforo verde possa scappare e farla franca.

Che vergogna.

Matteo Scarso