Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Scuole sicure, 12 milioni per il Padovano

La scuola Mameli, a Padova

Quasi 2 milioni per la De Amicis di Carmignano, in città un milione per Mameli, Ricci Curbastro, Levi Civita, Manin e Mazzini

PADOVA. Quasi 65 milioni di euro in Veneto, oltre 12 nel Padovano. È stata licenziata pochi giorni fa la graduatoria dell’operazione “Scuole sicure” finanziata con la legge di bilancio 2017. A trarne beneficio sono 36 istituti scolastici padovani di 25 comuni diversi. Il finanziamento più grosso arriverà l’adeguamento e il miglioramento sismico della scuola primaria De Amicis, in piazza Marconi a Carmignano di Brenta, che avrà quasi 2 milioni di euro: una scuola con oltre 300 alunni e 32 doc ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Quasi 65 milioni di euro in Veneto, oltre 12 nel Padovano. È stata licenziata pochi giorni fa la graduatoria dell’operazione “Scuole sicure” finanziata con la legge di bilancio 2017. A trarne beneficio sono 36 istituti scolastici padovani di 25 comuni diversi. Il finanziamento più grosso arriverà l’adeguamento e il miglioramento sismico della scuola primaria De Amicis, in piazza Marconi a Carmignano di Brenta, che avrà quasi 2 milioni di euro: una scuola con oltre 300 alunni e 32 docenti ospitata in un edificio che risale al 1930.

Per quanto riguarda Padova città l’intervento più importante è quello sulla scuola Mameli (che fa parte dell’istituto comprensivo Ardigò) che si trova in via Agnusdei, in centro città: il finanziamento concesso è di 737 mila euro e verrà gestito dall’amministrazione comunale .

Le scuole di Padova. Palazzo Moroni ha ricevuto in totale oltre un milione di euro. Gli altri interventi previsti sono la manutenzione straordinaria della primarie Ricci Curbastro di via Tassoni, con 120 mila euro; altri 100 mila euro per la manutenzione della secondaria Levi Civita, in via Via Basilicata a Camin; 80 mila euro per la primaria Manin di via Tre Garofani; e infine gli interventi di manutenzione per la primaria Mazzini di via Leogra finanziati con 50 mila euro.

Gli istituti in provincia. Interventi sostanziosi sono previsti anche nel territorio provinciale. Dopo Carmignano il comune che ha ricevuto il finanziamento più importante è Galliera Veneta, dove la scuola dedicata a don Guido Manesso ha ottenuto 840 mila euro.

Alessandro Zan


Quasi 800 mila euro arriveranno anche a Brugine per la scuola Caron, che è una delle tre secondarie dell’istituto comprensivo di Codevigo. Un finanziamento di 676 mila euro arriva alla secondaria Marco Polo di San Giorgio delle Pertiche e altri 617 mila euro per la primaria Cesare Battisti di Camposampiero. Infine è pronto mezzo milione per un intervento strutturale sulla scuola secondaria Giovanni Santini di Noventa.

Il piano scuole sicure. Ci sono via via un’altra trentina di interventi di minor costo su altrettante scuole. «In pratica quasi tutti i comuni che hanno partecipato al bando hanno ricevuto finanziamenti», spiega il deputato Pd Alessandro Zan, che ha seguito il bando per la parte padovana. Adesso le amministrazioni possono mettere in gara i lavori perché i soldi sono “sicuri” e verranno rimborsati con gli stati di avanzamento dei lavori.

Il prossimo bando. «Quella su scuole sicure è una promessa mantenuta – prosegue l’esponente dem – Durante questa legislatura abbiamo fatto uno sforzo enorme sull’edilizia scolastica. Uno sforzo giustificato dal fatto che i ragazzi devono studiare in sicurezza e in edificio in cui la qualità della vita dentro le aule sia buona. Devono essere strutture efficienti anche dal punto di vista del risparmio energetico, oltre che ovviamente in regola con le norme antisismiche».

A breve partirà la nuova programmazione triennale con un budget finanziario di circa 1,4 miliardi di euro, inserito nella legge di bilancio 2018. Dunque un nuovo bando: «L’invito ai comuni è quello a partecipare: la copertura economica è stata già decisa e gli interventi da fare sono ancora molti», conclude Zan.