Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Finco al Top 500 Padova: «Nessuno si salva da solo»

Il presidente di Confindustria: ci sono le condizioni per un rinascimento, serve una grande alleanza

PADOVA. «Finalmente ci siamo» dice il presidente di Confindustria Padova, Massimo Finco. L’evidenza sta, in primis, nei bilanci delle prime 500 imprese della provincia di Padova scandagliati da Antonio Parbonetti dell’Università di Padova e Nicola Anzivino di PwC.

Si sfoglia l'inserto con le classifiche di pwc e l'analisi dei dati

La crescita si consolida e inizia ad assomigliare, finalmente, a una macchia d’olio. In g ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. «Finalmente ci siamo» dice il presidente di Confindustria Padova, Massimo Finco. L’evidenza sta, in primis, nei bilanci delle prime 500 imprese della provincia di Padova scandagliati da Antonio Parbonetti dell’Università di Padova e Nicola Anzivino di PwC.

Si sfoglia l'inserto con le classifiche di pwc e l'analisi dei dati

La crescita si consolida e inizia ad assomigliare, finalmente, a una macchia d’olio. In grado, quindi, di espandersi. Ma «nessuno si salva da solo» ha ammonito Finco.

«Abbiamo bisogno di un territorio competitivo. Oggi sembra ci siano le condizioni necessarie per il rinascimento di Padova, ma questa non può assolutamente diventare l’ennesima occasione persa. Perché sarebbe l’ultima».

De' Stefani al Top 500 Padova: così la Sit si è quotata in Borsa



Grande alleanza. La presentazione del rapporto Top 500, curato dal dipartimento di Scienze economiche del Bo e PwC in collaborazione con il mattino di Padova e Confindustria Padova, è diventa così l’occasione per tracciare una rotta che non ammette più deviazioni o battute d’arresto.

«C’è bisogno di una grande alleanza trasversale, una partnership pubblico-privato che mobiliti coscienze e saperi, etica e legalità, profit e no profit. Bene il metodo del dialogo, ma adesso serve capacità di decidere» ha detto Finco dal palco della fiera di Padova. Il motivo?

Finco, presidente di Confindustria Padova

«I principali investimenti pubblici e privati sul territorio, nell’arco di un decennio mobiliteranno 1,2 miliardi di euro. Servono decisioni rapide, dobbiamo velocemente seguire l’esempio di Milano arrivando a una Grande Padova, ovvero a un’area metropolitana di circa un milione di abitanti, in grado di dialogare con i territori vicini».

De' Stefani al Top 500 Padova: così la Sit si è quotata in Borsa



Giovani e competenze. E quando si parla di competitività del territorio si ragiona inevitabilmente di giovani. Che vanno coinvolti e preparati adeguatamente, come emerso nella tavola rotonda moderata dal direttore de il mattino di Padova Paolo Possamai. Ma nei confronti dei quali bisogna anche cambiare approccio.

La tavola rotonda moderata dal direttore Possamai

Perché se da una parte c’è chi, come Giuseppe Donagemma, riscontra un deficit di volontà dei giovani italiani rispetto ai coetanei, dall’altra c’è Finco che chiede di cambiare modo di rivolgersi ai ragazzi parlando senza mezzi termini della bassa occupazione giovanile come di «un valore sprecato».

Lo dice innanzitutto ai colleghi imprenditori. «Dobbiamo riconoscere e pagare di più le competenze nelle nostre imprese» ha rilevato il presidente di Confindustria Padova.

Busnardo al Top 500 Padova: "Così aiutiamo il cambio generazionale delle Pmi"

«I nostri giovani non vogliono la garanzia di uno stipendio minimo o di un contratto a tempo indeterminato ma poter credere nella possibilità di raggiungere una posizione importante e uno stipendio triplo. I giovani vogliono poter sognare e sono pronti al rischio. I ragazzi che vanno a Londra non si pongono il problema del contratto a tempo determinato o indeterminato, ma sanno che Londra è una buona “piazza” che può dare loro l’opportunità di crescere».

Top 500 è il brand creato dai quotidiani veneto-friulani del gruppo Gnn-GEDI


La politica e l’impresa. Il richiamo, in generale, è a guardare fuori dal cortile. Lo fanno le imprese, accettando e cavalcando la sfida dell’internazionalizzazione. Lo dovrebbe fare la politica che, invece, dice Finco «insegue solo il consenso locale».

Candiotto (Galdi srl) al Top 500 di Padova: crediamo nei giovani e li assumiamo

E così «se oggi ritorna qui uno straniero che è stato a Padova 50 anni fa, vede le stesse cose: la stessa fiera, lo stesso ospedale le stesse strade. Forse se ritornerà fra 20 anni vedrà qualcosa di nuovo». Il condizionale è d’obbligo. Le imprese sono pronte a fare la loro parte, e anche le associazioni. Dalla fusione tra Confindustria Padova e Unindustria Treviso «nascerà un’associazione più competitiva, tutti dobbiamo uscire dal nostro cortile».

Dati alla mano e visione acquisita, la consapevolezza è che «per vincere davvero dobbiamo vincere come territorio».