Nasce l’ortoparco, polmone verde di Piove

Via ai lavori per il nuovo giardino urbano, la società Alì dona 30 alberi: l’opera costerà 165 mila euro

PIOVE DI SACCO. Sta prendendo vita l’ortoparco comunale, la nuova area verde collocata tra le vie Rusteghello e San Rocco. Si tratta di un progetto complessivo da 165mila euro il cui primo stralcio funzionale è in queste settimane in via di realizzazione.

Il nuovo parco, a due passi dal centro storico, consentirà un aumento del bacino scolante per le acque piovane al fine di aumentare la sicurezza idraulica, avrà una nuova pista ciclabile che collegherà via Rusteghello a via San Rocco e avrà una parte dedicata anche a orti sociali attrezzati a disposizione della cittadinanza, inseriti in una nuova visione di utilizzo pubblico e sociale del verde cittadino.

Tra le tante cose sono soprattutto previste oltre un centinaio di nuove piantumazioni con i primi trenta alberi, donati da Alì spa, che sono già stati collocati.

«A guidare questa progettazione» spiega l’assessore Simone Sartori, «c’è la convinzione che la diffusione del verde urbano rappresenti un elemento di grande importanza per il miglioramento della qualità della vita nelle città e che la creazione di nuove opportunità di socializzazione e di riscoperta delle tecniche di coltivazione naturale siano un arricchimento per tutti i nostri concittadini e che possano costituire con nuovi sviluppi futuri delle ulteriori opportunità didattiche per i molti studenti. La campagna di sensibilizzazione avviata da Alì rappresenta un impegno concreto, e non scontato, in questa direzione, capace di coinvolgere centinaia di persone in un progetto ambizioso e con un deciso respiro di futuro. Un ringraziamento sentito va quindi a questa azienda per l’attenzione dimostrata nei confronti del nostro territorio e per l’opportunità di formalizzare un nuovo impegno nell’interesse primario delle future generazioni piovesi».

«Siamo da sempre attenti alla tutela dell’ambiente» ha aggiunto il vice presidente di Alì, Gianni Canella, presente a palazzo Jappelli in occasione della consegna delle piante, «perché crediamo che un ambiente più pulito sia alla base della sicurezza alimentare e della salute delle persone. Questo appuntamento con l’amministrazione piovese ci vede consegnare 30 alberi, nell’ambito del più ampio progetto che ci ha visti mettere a dimora ben 10 mila alberi in tutto il territorio in cui siamo presenti. Siamo la prima realtà in Veneto ad avere sostenuto, insieme ai nostri clienti, una maratona green così importante in termini di numero di alberi donati».

Alessandro Cesarato

Video del giorno

Malore in spiaggia a Bibione, ecco l'arrivo dei soccorsi con l'elicottero

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi