In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Libri in 500 battute: Ammaniti, Arpaia e Righetto

Le recensioni di scuola di scrittura MacAdemia: letture in pillole

1 minuto di lettura

PADOVA. Studiare la letteratura, come si legge e come si scrive. Ecco gli obiettivi di MacAdemia (ww.macademia.it) accademia di scrittura padovana, che ci propone le sue “Letture in pillole”.

1. Come Dio comanda di Niccolò Ammaniti, Mondadori

L'amore tra padre e figlio è un faro potente che permette di districarsi in un labirinto di orrori e di miserie umane. Forse, quello stesso amore è il riflesso di un ordine superiore non immediatamente comprensibile all’uomo. Rino e Cristiano Zena sono padre e figlio che tra simpatie neonaziste e slanci di umanità si barcamenano nella realtà iperproduttiva, a volte gretta, del Nord Italia. Quando una rapina a un bancomat diventa l’unica possibilità per uscire dalla precarietà, il destino irrompe per stravolgere le loro vite.

2. Qualcosa, là fuori di Bruno Arpaia, Edizioni Guanda

Arpaia ci propone un possibile futuro da brividi. Un catastrofico cambiamento climatico causa la migrazione – dall’Italia verso il più temperato Nord Europa – di un’umanità stremata, stanca e denutrita. Un po’ Cormack McCarty un po’ The Day After Tomorrow, “Qualcosa, là fuori” offre un convincente esempio di narrativa mista a divulgazione scientifica (basata sui rapporti dell’Intergovernamental Panel of Climate Change e dell’European Enviroment Agency). Il messaggio è chiaro: il futuro della Terra dipende solo da noi e dalle nostre scelte.

3. L’anima della frontiera di Matteo Righetto, Mondadori

Può un romanzo western essere ambientato alla fine dell’Ottocento in Alta Val di Brenta? Per Matteo Righetto, sì. In un’epica sfida contro la natura – e contro i briganti, i finanzieri, le bestie feroci e la legge – Jole attraverserà la frontiera Austriaca alla ricerca del padre scomparso, contrabbandiere di tabacco. E diventerà donna. In una prosa scarna e al contempo lirica, la frontiera diventa metafora della separazione tra bene e male, tra adolescenza ed età adulta, tra povertà e dignità.

I commenti dei lettori