Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Esperienze raccontate a Este si comincia con il Congo

ESTE. Parte domani la serie di incontri “Esperienze” dell’associazione EnnEsima. Le serate si terranno dalle 21 nel chiostro di Santa Maria delle Consolazioni e saranno dedicate, tra fotografie e...

ESTE. Parte domani la serie di incontri “Esperienze” dell’associazione EnnEsima. Le serate si terranno dalle 21 nel chiostro di Santa Maria delle Consolazioni e saranno dedicate, tra fotografie e libri, all’Africa e alle sue mille contraddizioni. Il primo appuntamento, realizzato in collaborazione con Ubuntu Aps, sarà con Daniele Gobbin e Riccardo Carugati e il loro “Congo, viaggio nel cuore dell’Africa”: storie di volontariato, avventure, disagi, ricchezze e indimenticabili emozioni in un ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ESTE. Parte domani la serie di incontri “Esperienze” dell’associazione EnnEsima. Le serate si terranno dalle 21 nel chiostro di Santa Maria delle Consolazioni e saranno dedicate, tra fotografie e libri, all’Africa e alle sue mille contraddizioni. Il primo appuntamento, realizzato in collaborazione con Ubuntu Aps, sarà con Daniele Gobbin e Riccardo Carugati e il loro “Congo, viaggio nel cuore dell’Africa”: storie di volontariato, avventure, disagi, ricchezze e indimenticabili emozioni in un Paese già devastato da guerra e colonialismo. L’8 novembre toccherà ad Angelo Ferrarini e “Per qualche metro e un po’ d’amore in più”, volume dedicato agli affetti ristretti in carcere, cioè a sentimenti e rapporti limitati, interrotti, chiusi, raccontati da chi sta subendo la condanna. Gli altri due eventi si terranno il 15 e il 21 e saranno animati rispettivamente da Franco Rubini e Federico Rampazzo (“Proving in grounds”, racconto di un monselicense a Londra, anche attraverso le immagini) e Alberto Girotto con la serata “Le rose di Sarajevo” sui segni lasciati dalla guerra. (n. c.)