In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Franceschini a Padova per la nuova illuminazione degli Scrovegni

Consegnato al ministro il dossier "Padova Urbs Picta" per la candidatura della città a patrimonio Unesco

1 minuto di lettura

PADOVA. «Per le grandi imprese che hanno fatto bene al Paese ma hanno utilizzato il fatto di essere italiane nel mondo, la valutazione dell'impatto sociale dev'essere legata a quanto fatto per i beni culturali. Mi aspetto che le grandi aziende facciano a gomitate per legare il loro nome a grandi operazioni di restauro». Lo ha detto oggi Dario Franceschini, ministro dei Beni culturali e del Turismo, durante la presentazione del nuovo impianto di illuminazione realizzato da iGuzzini alla Cappella degli Scrovegni a Padova e la consegna del dossier «Padova Urbs picta» per la candidatura degli affreschi padovani all'Unesco.

Franceschini a Padova per la nuova illuminazione degli Scrovegni

«Fa sempre piacere - ha aggiunto - quando un'azienda italiana fa una scelta di intervento a favore della cultura. Io sono arrivato quattro anni fa e mi sono trovato di fronte una sorta di barriera ideologica, per cui sembrava che l'ingresso dei privati nella manutenzione del patrimonio culturale fosse qualcosa di pericoloso: abbiamo cercato di rompere questo tabù con nuove norme a cominciare dall'Art bonus, siamo arrivati a 180 milioni di donazioni e a più di 3.500 donatori. I risultati - ha concluso il ministro - sono molto positivi, ma io non sono contento: dobbiamo lavorare molto sul crowdfunding sotto forma di piccole donazioni e dobbiamo fare passi avanti sulle grandi imprese, per arrivare alla cultura anglosassone del giving back che in Italia non c'è ancora».

I commenti dei lettori