Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il centrodestra ha un leader Gottardello pronto a correre

VIGONZA. Si fa avanti il secondo candidato sindaco. È Damiano Gottardello, 54 anni, dirigente d’azienda, vice presidente veneto del settore agro alimentare in Confindustria e fino a un paio di mesi...

VIGONZA. Si fa avanti il secondo candidato sindaco. È Damiano Gottardello, 54 anni, dirigente d’azienda, vice presidente veneto del settore agro alimentare in Confindustria e fino a un paio di mesi fa assessore alla Sicurezza e alle Attività Produttive. «Mi pongo come elemento di aggregazione delle forze di centrodestra, in antitesi a Vigonza Viva che nel panorama politico locale si sta collocando nell’area del centrosinistra», annuncia Gottardello, che ribadisce di essersi dimesso da asses ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIGONZA. Si fa avanti il secondo candidato sindaco. È Damiano Gottardello, 54 anni, dirigente d’azienda, vice presidente veneto del settore agro alimentare in Confindustria e fino a un paio di mesi fa assessore alla Sicurezza e alle Attività Produttive. «Mi pongo come elemento di aggregazione delle forze di centrodestra, in antitesi a Vigonza Viva che nel panorama politico locale si sta collocando nell’area del centrosinistra», annuncia Gottardello, che ribadisce di essersi dimesso da assessore dell’attuale giunta Tacchetto proprio per questo motivo. Entrato in politica quando la selezione politica esisteva, Gottardello ora aspira a coronare la sua carriera con la massima carica locale per la quale afferma di aver maturato la necessaria esperienza grazie a un lungo percorso politico amministrativo. «L’esperienza non si raggiunge con un’elezione ma con anni di impegno sia nel sociale che nel rapporto con la gente», chiarisce Gottardello, che fu giovanissimo assessore nella giunta di Renzo Barutta. «Queste vanno però affiancate a una forte determinazione nel reprimere le situazioni di illegalità». Lui quasi strizza l’occhio alla Lega, punta ancora sulla sicurezza e ne fa il suo cavallo di battaglia. «Il mio obiettivo è perseguire chi viene qua considerando le abitazioni dei cittadini un territorio di caccia e mi propongo di usare tutti gli strumenti nella disponibilità dei sindaci per applicare appieno la legge», dice. «Chi lavora ha diritto di essere tutelato da chi arriva con la sola intenzione di arricchirsi velocemente».

A breve Gottardello presenterà le sue linee di governo con le persone con cui sta condividendo la formazione di una lista. «Riguardano principalmente la sicurezza, il lavoro, le innovazioni tecnologiche per le imprese e la pubblica amministrazione senza dimenticare un piano strategico per il rilancio delle cultura». (g.a.)