Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Non deturparono le banche Assolti i tre di Padova Sociale

Deturpamento o imbrattamento di cose altrui. Ma alla fine sono stati assolti. Erano a giudizio Manuel Montagnin, 35 anni di Selvazzano, Marco Zanin, 33 anni di Vigonza e Filippo Bodo, 26 anni di...

Deturpamento o imbrattamento di cose altrui. Ma alla fine sono stati assolti. Erano a giudizio Manuel Montagnin, 35 anni di Selvazzano, Marco Zanin, 33 anni di Vigonza e Filippo Bodo, 26 anni di Fontaniva, tutti assistiti dall’avvocato Giovanni Adami e Pietro Masutti. L’accusa era quella di aver imbrattato il 26 marzo 2014 le porte d’ingresso e le vetrine delle agenzie Unicredit e Antonveneta lungo via San Fermo e pure dell’agenzia di piazza dei Frutti, sempre di Antonveneta. Avevano affisso ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Deturpamento o imbrattamento di cose altrui. Ma alla fine sono stati assolti. Erano a giudizio Manuel Montagnin, 35 anni di Selvazzano, Marco Zanin, 33 anni di Vigonza e Filippo Bodo, 26 anni di Fontaniva, tutti assistiti dall’avvocato Giovanni Adami e Pietro Masutti. L’accusa era quella di aver imbrattato il 26 marzo 2014 le porte d’ingresso e le vetrine delle agenzie Unicredit e Antonveneta lungo via San Fermo e pure dell’agenzia di piazza dei Frutti, sempre di Antonveneta. Avevano affisso con del nastro adesivo dei manifesti con la scritta “divieto di accesso al credito”, firmati “Padova Sociale”. Impedivano l’apertura della porta incollando del nastro adesivo di colore bianco e rosso sulle porte. Inoltre sulla vetrina di un negozio chiuso in via San Fermo era stato affisso il manifesto con la scritta “Chiuso per usura”. L’imbrattamento è stato ritenuto una “libera manifestazione”. La difesa si era battuta affinchè: “Appiccicare volantini con scotch di uso domestico non integra la condotta giuridicamente rilevante di imbratta mento, si pensi ai laureati a Padova ogni giorno... andrebbero tutti processati per questo reato?». Per i tre è arrivata l’assoluzione.