L’amante del prete: "Facevamo sesso giorno e notte"

San Lazzaro di Padova: la donna 49enne che ha denunciato don Andrea: "Mi diceva che stava bene solo con me"

PADOVA. «Avevo una vita normale. Ero serena e non cercavo uomini. Ho un figlio, un lavoro. È stato lui a pressarmi. A starmi addosso. A inviarmi valanghe di messaggi. A farmi una marea di telefonate. Io non ci pensavo davvero». È faticoso raccontare. Lei è la donna del prete. La donna che ha denunciato il sacerdote protagonista di una storia a luci rosse. La donna che ha parlato alla magistratura di sesso, tra costrizione e violenza, e di prostituzione all’ombra di un campanile alle porte di Padova. Lui è don Andrea Contin, fino a mercoledì scorso parroco a San Lazzaro, la comunità (a due passi dal centro commerciale Giotto) stravolta da uno scandalo di impegno tradito (quello verso la Chiesa) e forse di norme penali violate (le ipotesi di reato contestate al religioso di violenza privata e favoreggiamento della prostituzione).

Un piccolo condominio di periferia. È ormai sera e Anna (nome di fantasia per tutelare la signora) è rincasata da poco. Accetta di parlare purché la sua identità non sia svelata. E senza mai citare per nome don Andrea Contin. È una donna piccola di statura, 49 anni, separata, i capelli neri raccolti, un velo quasi impercettibile di trucco sul volto stanco, dopo la solita giornata spesa tra il lavoro in un ufficio pubblico e l’impegno familiare. È una donna normale, quasi anonima.

Signora, come è iniziata la relazione tra lei e don Andrea?

«Facevo volontariato, ero impegnata in parrocchia e non solo. Ripeto, avevo un’esistenza serena e non stavo cercando uomini o relazioni. È stato lui pressante fin da subito. Era molto dimagrito ed effettivamente appariva provato. Mi diceva che stava male. Che era in crisi. Che piangeva spesso anche per strada. Faceva un po’ la vittima. E poi continuamente mi mandava messaggi, sms. Mi chiamava al telefono. Diceva o scriveva “sono felice quando sto con te”».

Insomma, la corteggiava ...

«Sì, ma io stavo sulle mie. Non gli avevo dato confidenza. Tutt’altro: sono sempre stata piuttosto riservata. Ero attenta, anzi mi chiedevo cosa volesse. È durata così per un po’...».

Poi è arrivato il primo bacio?

«Ero con lui in canonica, stavamo nello studio. Mi chiamava spesso diceva che aveva sempre bisogno di me, che non poteva farne a meno. Dopo un po’ si è avvicinato e mi ha baciato. Tutto è cominciato lì».

Tutto cioè la relazione anche fisica ... Ma all’inizio erano i consueti rapporti tra un uomo e una donna? Non c’era sesso estremo e violento oppure di gruppo?

«Preferirei non parlarne. Non scendere nei dettagli. È doloroso. E, soprattutto c’è un’inchiesta giudiziaria in corso».

Sa che una terza donna ha ammesso con gli inquirenti di essere stata un’amante del parroco?

«Forse è ... (e fa un nome)?».

 

Orge in canonica: la storia in video

Padova, orge in canonica. Il racconto dell'ex amante

 

È una parrocchiana sposata.

«Non mi stupisco. Ma non dico nulla: magari questa signora o altre non trovano la forza di denunciare, vogliono proteggere la famiglia e un marito se ce l’hanno».

È vero che, in un’occasione, don Andrea l’ha minacciata con un coltello?

«C’è un’indagine in corso».

Il sesso dove avveniva? E quando? Di regola un parroco è sempre molto impegnato ...

«Avveniva in canonica e in diverse case ... ma non dico di più perché ci sono accertamenti. Quando? A tutte le ore: di mattina, di pomeriggio, a notte fonda. Sempre».

Era un sesso violento? Era costretta?

«Non posso parlare. Io, comunque, ho presentato dei referti medici. Non so se lo hanno fatto altre».

A quanto risulta don Andrea aveva un giro notevole di donne: se n’era accorta?

«Tante donne gli ruotavano intorno. Non l’ho capito subito ma dopo».

Don Andrea aveva conoscenze importanti?

«Amava frequentare i potenti, diciamo. Anzi, si sentiva forte e lo faceva pesare».

Partecipava qualcuno fra loro al sesso di gruppo?

«Non dico nulla».

È a questo punto che s’interrompe un attimo e parla di «forti pressioni».

Secondo indiscrezioni la Curia sapeva da tempo dei comportamenti del parroco. È vero che lei l’aveva informata lo scorso maggio?

«Potrebbe essere anche in estate ... Ma forse sapeva da prima: qualcuno potrebbe averla informata di quello che succedeva a San Lazzaro. Non crede?».

Giovedì scorso i carabinieri si sono presentati in Diocesi per acquisire documenti, anche l’esposto che si dice abbia inviato lei e forse qualcun altro. Non è stato consegnato nulla, giustificando ciò con la necessità di un consenso da parte delle persone interessate, cioè anche lei.

«Fino a oggi nessuno mi ha contattata ... Ma ora basta, per favore. Sono finita. Distrutta. È troppo quello che ho passato in questi anni» ammette con un soffio di voce, gli occhi lucidi.

Signora un’ultima cosa: negli ultimi tempi don Andrea aveva paura di lei?

«Forse temeva una denuncia, era irrequieto».

Le ha mai chiesto scusa?

«No, mai nulla».

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi