Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Acquista una PlayStation 4 sul web ma era una truffa: due denunciati

Una PlayStation 4, il modello che aveva "acquistato" il ragazzo

Il diciannovenne  si rivolge ai carabinieri che risalgono agli autori dell'imbroglio 

SALETTO. Compra un PlayStation su internet, ma rimane a bocca asciutta a soldi versati. L'ennesima truffa via web è toccata a un diciannovenne di Saletto, che ad agosto si era rivolto ai carabinieri di Santa Margherita d'Adige per un acquisto andato decisamente male attraverso un portale di vendite online.

Il giovane aveva risposto a un annuncio sul sito internet subito.it, dove veniva venduta una consolle PlayStation 4 per la cifra di 165 euro. Il diciannovenne ha versato la somma mediante r ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SALETTO. Compra un PlayStation su internet, ma rimane a bocca asciutta a soldi versati. L'ennesima truffa via web è toccata a un diciannovenne di Saletto, che ad agosto si era rivolto ai carabinieri di Santa Margherita d'Adige per un acquisto andato decisamente male attraverso un portale di vendite online.

Il giovane aveva risposto a un annuncio sul sito internet subito.it, dove veniva venduta una consolle PlayStation 4 per la cifra di 165 euro. Il diciannovenne ha versato la somma mediante ricarica carta Postepay. A soldi depositati, il ragazzo ha contattato più volte l'inserzionista che, con scuse banali, tergiversava sulla spedizione, fino a rendersi del tutto irreperibile.

I militari dell'Arma hanno utilizzato il numero di telefono e quello della carta ricaricabile per risalire all'identità dell'intestatario, arrivando a smascherare gli artefici della truffa. Si tratta di C.A. e F.C., 40 e 36 anni, entrambi noti alle forze dell'ordine con precedenti specifici. I due, residenti in provincia di Cosenza, sono stati denunciati a piede libero per truffa. (n.c.)