Mistero a Padova risolto: i quattro forti botti nella notte dalle Acciaierie Venete

Attorno alle 23.30 i boati sentiti in diverse zone della città. I carabinieri dopo alcune ore hanno individuato l'origine nella fabbrica di via Vigonovese  

PADOVA. Risolto il mistero dei quattro forti botti a distanza di pochi attimi uno dall'altro che sono stati sentiti in diverse zone di Padova città domenica sera: solo dopo alcune ore si è scoperto che arrivavano dalle Acciaierie Venete.

Per tutta la notte è rimasto il mistero sull'origine dei rumori perché non ci sono state segnalazioni di incidenti o altre possibili cause.

All'alba di lunedì i carabinieri hanno individuato il motivo. I botti arrivavano dalle Acciaierie venete di via Vigonovese. La causa è stata dell'acqua che accidentalmente cadeva su metallo fuso durante processo di fusione...da cui tonfi tipo esplosione.

I Vigili del Fuoco nella serata di domenica hanno ricevuto molte chiamate di persone che hanno sentito i quattro botti. Anche i carabinieri hanno ricevuto diverse chiamate al 112, da qui le indagini per capire da dove venissero.

Per il responsabile delle Acciaierie, Christian Frelich, la spiegazione è questa: "Gli scoppi sono dovuti al processo di raffreddamento delle scorie dell'acciaio: materiale che viene versato in alcuni contenitori a circa 800°. La massa viene raffreddata con l'acqua ma quando quest'acqua si infiltra all'interno genera bolle d'aria che causano queste esplosioni".

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Elezioni, Letta annuncia l'intesa con Di Maio: "Ora rimbocchiamoci le maniche"

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi