L'affresco fantastico di Ilaria De Togni

La scrittrice padovana pubblica "Il sogno di Keribe" (Gargoyle Books) 

PADOVA. Ilaria De Togni, padovana, pubblica "Il sogno di Karibe" (Gargoyle Books, 364 pagine, 16 euro e 50). E' un romanzo che, come suggerisce lo scrittore Matteo Strukul, "è un affascinante affresco fantastico".

La vicenda. Esiste un luogo chiamato Keribe, una dimensione onirica dove le coscienze ritrovano corporeità dopo la Prima Morte. I misteri di questo mondo sono celati da quattro confini invalicabili. Da uno di essi, l'Orlog, l'oscuro mare innavigabile, nasce Erinke. Quelli come lei, i ridestati, sono stati sterminati secoli fa e sono ormai una leggenda. Nessuno ricorda che provano emozioni umane, pur essendo qualcosa di diverso, apparentemente immutabili ed eterni. La nascita di Erinke non è passata inosservata. I Guardiani dei Confini e la Resistenza, due forze in aperto contrasto, la cercano, ma la sua scelta è di affidarsi a Nimpha, l'unica istituzione in grado di proteggerla. Sarà Ruben, incaricato di catturarla per la Resistenza, a sconvolgere i suoi piani. Fin dal primo momento sguardo, sono consapevoli che il loro destino è essere uniti. Ma la loro unione e i loro ideali porteranno Keribe sull'orlo di una spaventosa guerra tra i Mondi. 

Ilaria De Togni fin da giovanissima si è interessata di simbologia, mito e psicologia. 

Video del giorno

Mia Ceran con Giorgio Tinacci di Casavo: come vendere casa in dieci giorni

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi