Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Renzi, dai i 35 euro ai carabinieri che ci difendono»

PIACENZA D'ADIGE. Con l'ormai "famoso" forcone in mano si è rivolta al premier Matteo Renzi. Senza alcun pelo sulla lingua Rosina Fracasso è comparsa l'altra sera in diretta a "Dalla vostra parte",...

PIACENZA D'ADIGE. Con l'ormai "famoso" forcone in mano si è rivolta al premier Matteo Renzi. Senza alcun pelo sulla lingua Rosina Fracasso è comparsa l'altra sera in diretta a "Dalla vostra parte", trasmissione in onda su Rete 4. La donna, 86 anni, era con il marito Ennio Libero Bendini, 87 anni. I due, lo scorso 20 luglio, sono stati brutalmente aggrediti e derubati nella loro abitazione nella campagna di Piacenza d'Adige. Qualche giorno fa uno dei rapinatori accusati di quell'episodio è s ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PIACENZA D'ADIGE. Con l'ormai "famoso" forcone in mano si è rivolta al premier Matteo Renzi. Senza alcun pelo sulla lingua Rosina Fracasso è comparsa l'altra sera in diretta a "Dalla vostra parte", trasmissione in onda su Rete 4. La donna, 86 anni, era con il marito Ennio Libero Bendini, 87 anni. I due, lo scorso 20 luglio, sono stati brutalmente aggrediti e derubati nella loro abitazione nella campagna di Piacenza d'Adige. Qualche giorno fa uno dei rapinatori accusati di quell'episodio è stato scarcerato e ora si trova ai domiciliari, a 5 chilometri dalla casa dei due anziani. Incalzata dal conduttore Maurizio Belpietro, la Fracasso ha mostrato il forcone che ora utilizza per difendersi da eventuali incursioni. «Renzi, i 35 euro al giorno che dai agli immigrati, dalli a polizia e carabinieri che sono qui a vigilare su di noi ogni notte», è il messaggio pepato dell'anziana che, dopo aver raccontato in diretta nazionale i concitati momenti della rapina di luglio, ha etichettato la decisione di scarcerare il suo aggressore come una vera e propria «doccia fredda, da non credere». Giusto ieri la famiglia ha chiesto di allacciare il nuovo sistema d’allarme di casa direttamente alla centrale del 112 dei carabinieri. (n.c.)