In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Soffocata da un rigurgito a 9 mesi, lunedì l’addio

SAN MARTINO DI LUPARI. Il funerale della piccola Yara Hamouda, 9 mesi appena, morta dopo 29 giorni di agonia, sarà celebrato lunedì, alle 16, nel duomo di San Martino di Lupari. A effettuare l'autops...

1 minuto di lettura

SAN MARTINO DI LUPARI. Il funerale della piccola Yara Hamouda, 9 mesi appena, morta dopo 29 giorni di agonia, sarà celebrato lunedì, alle 16, nel duomo di San Martino di Lupari. A effettuare l'autopsia sul suo corpicino sono stati i professori Raffaele De Caro e Andrea Porzionato del Dipartimento di neuroscienze dell'Università di Padova. L'esame è stato ritenuto necessario per individuare le cause del decesso. E l'eventuale rapporto fra queste ultime ed eventuali manovre rianimatorie o (si teme) comportamenti violenti nei confronti della piccina che abbiano portato all'esito fatale.

Ma dovrà anche accertare se la bimba sia stata sottoposta a maltrattamenti in periodi precedenti all'1 settembre, data del "malore", e abbia subito lesioni. Il referto dei medici legali, di fondamentale importanza, sarà disponibile non prima di qualche settimana: l'inchiesta avviata già ipotizza che la piccola sia stata sottoposta a maltrattamenti tanto che risulta indagato un cugino materno 26enne che aveva il compito di accudire la bambina e la sorellina di 5 anni.

I genitori (il padre tunisino e la mamma moldava) sono impegnati fuori casa per lavoro tutto il giorno. Non è escluso che l'ipotesi di reato possa essere modificata: questo dipenderà dall'esito dell'autopsia. Il primo di settembre la piccola Yara avrebbe avuto un rigurgito mentre stava bevendo il latte con il biberon: la sorellina aveva chiesto aiuto alla vicina di casa pronta a sollecitare l'intervento del Suem. La neonata era stata trasferita nella Rianimazione pediatrica dell'ospedale di Padova in condizioni disperate. (s.b.)

I commenti dei lettori