In circolazione 4 mila auto senza polizza

Il sindacato degli agenti: «Fenomeno in calo ma i numeri sono ancora alti». Il costo medio per una Rc scende a 409 euro

PADOVA. Un fenomeno in diminuzione che ha, però, ancora numeri allarmanti. «Tra Padova e provincia sono circa 4mila le auto in circolazione sprovviste di assicurazione». A dirlo è Francesco Pavanello, presidente degli agenti assicurativi padovani iscritti allo Sna (Sindacato nazionale assicuratori).

Furbetti o disperati. Su circa 220 agenti assicuratori padovani, 130 sono iscritti allo Sna. Secondo Pavanello, che ragiona su dati inferiori alle stime fatte a livello nazionale dall’Ania, nella maggior parte dei casi chi non paga l’assicurazione non è un furbetto. «Un disperato, piuttosto» sottolinea. 

Cambio legge. «Non escludo che ci siano anche dei furbetti ma sono convinto che la maggior parte di chi non paga l’assicurazione lo faccia perché si trova in difficoltà a causa della crisi e non può rinunciare all’auto. Così, però, si mette nella grave situazione di rischiare: abbiano notizia, per esempio, di cassa integrati fermati dalla polizia municipale e “pizzicati” senza assicurazione, ma usavano l’auto solo per andare a fare la spesa ogni 10-15 giorni. Naturalmente con il cambio della legge la situazione è ancora più grave perché sono state appesantite di molto le conseguenze: dal sequestro del veicolo alla sanzione (minima) di 700-800 euro, fino a un procedimento penale di fronte a incidenti con feriti».

Nuove disposizioni. Le nuove disposizioni sono in vigore dallo scorso 18 ottobre e, Pavanello, pur non disponendo di dati certi, è persuaso che il fenomeno sia in via di riduzione. «Non siamo in possesso di statistiche, ma la nostra percezione, da operatori, è che il fenomeno di chi non paga l’assicurazione pur continuando ad usare l’auto sia in riduzione. Da parte nostra stiamo facendo grandi campagne informative per spiegare il nuovo sistema di controllo dell’assicurazione: non è più previsto l’obbligo di esporre il tagliando che certifichi l’avvenuto pagamento dell’assicurazione, ma ci sono i controlli telematici che, come sappiamo, incrociano le informazioni delle banche dati».

La sospensione. Tuttavia c’è un’altra abitudine che sta aumentando: la sospensione dell’assicurazione. «Oggi la copertura assicurativa è sempre più studiata per le esigenze specifiche dell’automobilista», spiega Pavanello, «sospendere la garanzia è un beneficio se la sospensione non è di brevissimo periodo, ma ha una durata minima di 3-4 mesi: sospendo la polizza e, quando la riattivo, ho una proroga al pagamento pari al periodo di sospensiva. Inoltre si stanno diffondendo anche le tariffe “speciali” che misurano la polizia in base all’uso effettivo del veicolo».

Spesa media. Nella provincia padovana, secondo i dati dell’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, la spesa media per una Rc auto è calata a 409,5 euro e, nell’ultimo trimestre dell’anno scorso, i nuovi contratti sottoscritti con le compagnie assicurative sono stati 34.530.

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Degrado a Padova, il barista Facco: «Situazione tesa, minacciati da ubriachi e spacciatori»

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi