«All’epoca nessuno conosceva i rischi»

«Bisognava trovare un capro espiatorio ed è stato trovato». È questo il senso delle parole dell’avvocato difensore di Dino Marchiorello, Andrea Pellizzari, civilista dello studio Pellizzari di...

«Bisognava trovare un capro espiatorio ed è stato trovato». È questo il senso delle parole dell’avvocato difensore di Dino Marchiorello, Andrea Pellizzari, civilista dello studio Pellizzari di Vicenza che ha patrocinato l’imprenditore padovano davanti al Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Padova. «Non è certo compito mio commentare le sentenze» continua l’avvocato, «e tutta la mia solidarietà umana va alle vittime di una tragedia sul lavoro come quella dell’amianto ma è sbagliato additare il dottor Marchiorello come un carnefice. Nessuno sapeva all’epoca dei fatti le conseguenze dell’esposizione alle fibre di amianto. Non lo sapeva l’amministratore della società come non lo sapevano l’Inps, l’Inail, i sindacati o le Ferrovie dello Stato. Nessuno per molti anni ha segnalato il problema pure quando l’incidenza del mesotelioma iniziava a diventare sospetta». E secondo l’avvocato di Dino Marchiorello, che ricorda come molti milioni di euro siano già stati corrisposti alle famiglie delle vittime dell’amianto da Firema Trasporti Spa, l’area delle responsabilità è più ampia. «Se il mio assistito è colpevole dovrebbero esserlo anche tutti gli istituti di controllo che non si sono minimamente preoccupati, nell’arco degli anni a porre fine a una pratica così dannosa» continua Pellizzari, «da bambino ricordo i contadini con sulle spalle damigiane intere di verderame date a spruzzo sulle vigne. Una sostanza dannosissima di cui però all’epoca non si conoscevano i pericoli. La responsabilità oggettiva del mio cliente, per altro priva di alcun dolo, è da escludere se il fatto è inevitabile o impossibile da prevedere e di certo, avendolo potuto prevedere, il dottor Marchiorello avrebbe sicuramente fatto scattare quegli elementi di sicurezza che nessuno, neppure i sindacati che all’epoca erano così presenti in azienda e così forti nel paese, ha mai richiesto». (r.s.)

Video del giorno

La moglie, Elena Panciera, ricorda tra le lacrime il marito Federico Lugato

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi