La città invasa dal pero puzzolente

Al posto dei bagolari e dei platani arriva un esemplare che ha tre grossi difetti

Costano cari, rimangono piccoli, sono infestanti e hanno un profumo sgradevole. Anzi, bisogna proprio dire che puzzano. I fiori dei peri ornamentali cinesi hanno un odore che da più parti è descritto come quello dei pesci in decomposizione. Negli Stati Uniti ci hanno riconosciuto un altro odore e l’hanno ribattezzato “l’albero dello sperma”. Qui da noi si dice che “sa da freschin” e a questo punto si può avere la certezza che, comunque lo si interpreti, non regalerà fioriture memorabili e primavere inebrianti. Eppure in municipio qualcuno si è innamorato del “Pyrus calleryana Chanticleer” - il pero cinese, appunto - tant’è vero che mentre con una mano l’amministrazione brandisce la motosega e continua a far strage di alberi adulti, più o meno malati, con l’altra pianta decine di esemplari di questo alberello ornamentale. Che costa fra i 140 e i 250 euro e che ha il pregio di crescere in modo contenuto - senza richiedere frequenti potature - e di resistere allo smog, alla siccità, al freddo, insomma alle sollecitazioni di una città e di un Comune che non può garantire una cura quotidiana.

Di fronte alla spiccata predilezione del Comune per questo pero, il botanico Patrizio Giulini e l’agronoma Elena Macellari - entrambi componenti dei Gruppi di lavoro Tavoli verdi del Veneto - hanno scritto al Comune, area lavori pubblici, per chiedere chiarimenti. «Vogliamo capire come mai, pur avendo a disposizione una lista di diversi alberi per rimpiazzare gli esemplari di prima grandezza che vengono abbattuti, la scelta ricade sistematicamente su un numero limitato di specie e di classe di grandezza», scrivono i due esperti. Che citano anche qualche esempio recente: «In via Buzzaccarini, via Bengasi, via Piave, via Sorio si è scelto sempre il piccolo e nauseabondo pero ornamentale cinese». L’albero - riconoscono Giulini e Macellari - andava molto di moda nella vecchia Europa e in molte città americane. Ed era stato anche votato come miglior albero urbano nel 2005. «È facile da gestire», scrivono ancora i due, «ed è resistente. Non si allarga oltre i 5-6 metri, non va fuori forma anche in assenza di potature. Vive 25 anni e poi va sostituito. Ma ha almeno tre difetti dirompenti: un valore ecologico basso - cioè non cattura la Co2 come gli alberi che il Comune sta tagliando -, ha un odore sgradevole ed è infestante». Per questi motivi, molte città americane sono corse ai ripari eliminandolo, infatti fra il 2006 e il 2015 il numero di esemplari è stato dimezzato. A Padova invece si moltiplica. E gli esperti non si spiegano il perché. «Tra l’altro costa tanto, per essere una pianta così piccola e lenta a crescere», insistono Giulini e Macellari. «Il platano poli-ibrido, per esempio, sopravvive fino a 200-300 anni, resiste al cancro colorato, svolge tante funzioni ecologiche - per esempio rimuove cento volte più smog - e rinfresca come venti condizionatori. E ha lo stesso prezzo». Perché, dunque, la scelta del pero? Gli esperti sperano che dal Comune qualcuno sappia dare una spiegazione.(cric)

Video del giorno

Vitiligo, la malattia in "mostra" nel cortile pensile di palazzo Moroni a Padova

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi