Il commercialista riceve in moschea

Nel centro islamico culturale  si compilano le dichiarazioni dei redditi

ARCELLA. Dove si va a fare la dichiarazione dei redditi 2016? In moschea naturalmente.

Sembra un paradosso, eppure è vero al cento per cento. Come si può leggere in quasi tutti i punti vendita di frutta e verdura, gestiti, in genere, dagli immigrati del Bangladesh, del Pakistan e dello Sri Lanka, che, naturalmente, professano la religione mussulmana, da quest’anno, per la prima volta, sia il Modello 730 che il Modello Unico, può essere compilato all’interno della piccola moschea, aperta due anni fa, all’Arcella, in via Jacopo da Montagnana. «Io non ci vedo nulla di scandaloso» sottolinea Mohammed Helal, bengalese di Comilla, con negozio di frutta e verdura in via Tiziano Aspetti, quasi all’angolo con il cavalcavia Borgomagno, aperto 365 giorni all’anno dalle 8.30 alle 21. «Questa è la prova schiacciante che il nostro punto di riferimento principale in città non è una moschea vera e propria ma, com’è scritto all’ingresso dell’edificio, un centro islamico culturale dove, oltre a pregare, i bambini vanno a doposcuola e vengono organizzate anche tante altre attività a vantaggio delle numerose famiglie mussulmane, in genere originarie dell’Asia, che vivono all’Arcella e nei quartieri limitrofi».

L’iniziativa promossa dai responsabili della moschea dell’Arcella non ha colto di sorpresa il variegato pianeta dei commercialisti e dei consulenti del lavoro della città e della provincia. «Quello degli immigrati, che arrivano da lontano ed, in genere, non parlano ancora bene l’italiano, è un mondo a parte, suddiviso, naturalmente per etnie» dice Gianfranco Casella, commercialista con studio appena fuori città; «Proprio per quanto riguarda sia le pratiche fiscali che quelle previdenziali ed assistenziali fanno tutto in famiglia e, quasi sempre, si rivolgono ai pochi colleghi che si mettono a loro disposizione». 

Video del giorno

Strage Salvemini, 31 anni dopo: il corteo dei mille studenti

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi