Assessore inseguito dalle nutrie

La brutta avventura di Livio Genesin, responsabile della Protezione Civile a Loreggia: «Sul Muson dei Sassi due grossi esemplari hanno cercato di attaccarci»

LOREGGIA. Brutto incontro sull’argine del Muson dei Sassi per l’assessore alla Protezione Civile Livio Genesin e il consigliere comunale Pio Giannella. Il primo è stato assalito dalle nutrie ed è dovuto scappare.

I due amministratori comunali di Loreggia, domenica sono andati sull’argine del Muson, nel tratto di via Loreggiola, per il giro mensile di controllo dello stato delle rive che si indeboliscono e franano a causa delle forte presenza di nutrie che scavano profonde gallerie. E anche per fare un po’ di pulizia.

Con i due amministratori comunali, anche i volontari di Protezione Civile con il caposquadra. «È un sopralluogo che facciamo con regolarità per monitorare la parte interna dell’argine» spiega Livio Genesin, «naturalmente siamo attrezzati di tutto punto, con corda e imbragatura non certo per fare folclore ma per sicurezza, con canoa, telecamera e assi di legno per ispezionare le tane. Verificando il tutto ci siamo accorti di una tana più profonda delle altre. Infilando l’asse sono uscite fuori due grosse nutrie, una delle quali superava i cinque chili, e ci si sono rivoltate contro. Ci siamo spaventati e per difenderci le abbiamo allontanate con dei bastoni, ma le due “bestiole” hanno tentato di attaccarci e così ce la siamo data a gambe. Anche se può sembrare un po’ da vigliacchi abbiamo preferito non rischiare di essere morsi perchè ci si può prendere qualche malattia e non era proprio il caso».

E le due nutrie? «Si sono tuffate nell’acqua» dice l’assessore comunale alla Protezione Civile, Genesin «nessun allarmismo, per carità. Si può camminare tranquillamente sulla sommità dell’argine del Muson dei Sassi perché le nutrie non risalgono, ma sarebbe ora che qualcuno prenda provvedimenti. Non si può andare avanti così».

Preoccupatissimo il sindaco di Loreggia Fabio Bui: «La situazione è diventata ingestibile, le nutrie non aspettano le normative per riprodursi, tra poco ce le troviamo anche sulla porta del municipio» denuncia Bui. «Il problema è urgente, faccio appello alla Regione perché ci dia regole chiare. A Loreggia abbiamo avuto due alluvioni e adesso abbiamo gli argini groviera. Aspettiamo una terza alluvione oppure si interviene prima? Dirò di più» conclude il primo cittadino, «sono disposto a fare un’ordinanza per cacciarle e a chi mi porta più nutrie do pure una ricompensa. E se qualcuno si lamenta e le vuole salvare se le porti pure a casa le nutrie e se le tenga per bellezza nel proprio giardino».

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi