Centro commerciale Il Comune resisterà davanti al Tar

ABANO TERME. Il Comune di Abano ha deciso di resistere contro il ricorso presentato al Tar del Veneto da parte di Ascom e Confesercenti contro la delibera al piano particolareggiato Pp9, che prevede...

ABANO TERME. Il Comune di Abano ha deciso di resistere contro il ricorso presentato al Tar del Veneto da parte di Ascom e Confesercenti contro la delibera al piano particolareggiato Pp9, che prevede l’edificazione del nuovo centro commerciale dell’Aliper nelle vicinanze della discoteca P1, in via Romana Aponense. Ascom e Confesercenti sperano nel Tar del Veneto per non veder nascere un nuovo centro commerciale. L’udienza è in programma il prossimo 25 maggio con le due categorie economiche che punteranno, per cercare di spuntarla, sulla vicinanza di Villa Mocenigo Mainardi e sul possibile danno ambientale all’edificiop di pregio. Oltre che sostenere che un nuovo ipermercato creerebbe un inevitabile danno al commercio di vicinato.

Il Comune di Abano ha deciso di affidarsi all’avvocato Alberto Cartia per difendersi, stanziando una somma che supera di poco i 7.200 euro. Indipendentemente dall’esito del ricorso al Tar presentato dalle categorie economiche, la famiglia Canella ha annunciato che la posa della prima pietra del nuovo centro commerciali avverrà entro l’inizio dell’estate. L’obiettivo dichiarato dai Canella è di concludere i lavori entro due anni per poi procedere all’inaugurazione del nuovo punto vendita della grande distribuzion, che avrà un’estensione di 12 mila metri quadrati. (f.fr.)

Video del giorno

Covid, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche per l'informazione"

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi