Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Incendio durante i lavori all’ex macello Grosoli

CADONEGHE. Una densa nuvola di fumo nera si è levata ieri mattina dall’interno dell’area dell’ex macello della Grosoli, in via Marconi a Cadoneghe, in questi giorni in fase di demolizione e...

CADONEGHE. Una densa nuvola di fumo nera si è levata ieri mattina dall’interno dell’area dell’ex macello della Grosoli, in via Marconi a Cadoneghe, in questi giorni in fase di demolizione e smantellamento. Mentre alcuni operai stavano tagliando delle putrelle di metallo, per rimuoverle più agevolmente, la fiamma ossidrica ha surriscaldato e appiccato il fuoco ad alcuni pezzi di materiale plastico, del poliuretano utilizzato come isolante, che si trovava in mezzo ai detriti sui quali stavano ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CADONEGHE. Una densa nuvola di fumo nera si è levata ieri mattina dall’interno dell’area dell’ex macello della Grosoli, in via Marconi a Cadoneghe, in questi giorni in fase di demolizione e smantellamento. Mentre alcuni operai stavano tagliando delle putrelle di metallo, per rimuoverle più agevolmente, la fiamma ossidrica ha surriscaldato e appiccato il fuoco ad alcuni pezzi di materiale plastico, del poliuretano utilizzato come isolante, che si trovava in mezzo ai detriti sui quali stavano lavorando. Il fuoco ha attecchito subito e immediatamente ha rilasciato il denso fumo nero, la cui colonna alta è stata visibile nell’intero territorio di Cadoneghe e persino dal quartiere padovano di Torre, oltre il fiume Brenta. I vigili del fuoco non hanno faticato molto a spegnere il piccolo rogo e insieme ai carabinieri della locale stazione hanno rilevato trattarsi di un incendio accidentale, dovuto alle operazioni in corso. Nonostante a bruciare sia stato del materiale plastico, non è stata fatta intervenire l’Arpav, in quanto il fumo si è immediatamente disperso nell’aria e parrebbero non esserci rischi per la salute delle persone. (ci.s.)