Cappotta per colpa di un cinghiale

La trentenne, estratta dalle lamiere dell’auto finita nella scarpata, ha riportato numerosi traumi

TORREGLIA. Pauroso incidente causato dall’improvviso attraversamento di un grosso cinghiale, poco dopo le 8 di ieri mattina in via Vallarega, la provinciale che da Treponti porta verso Villa dei Vescovi di Luvigliano. S. S., una trentatreenne di Bastia di Rovolon alla guida di una Volkswagen Polo, forse per evitare l’animale ha perso il controllo dell’auto ed uscita di strada finendo giù dalla scarpata. Dopo essersi ribaltata un paio di volte l’utilitaria ha concluso la carambola rovesciata nel fossato lato campagna. La donna, che era diretta a Torreglia per incontrare un cugino, è stata estratta dall’abitacolo semidistrutto della vettura dai vigili del fuoco di Abano Terme e trasportata con l’elisoccorso del Suem all’ospedale di Padova che ha potuto atterrare in un campo a 50 metri dalla strada. Ha riportato traumi in varie parti del corpo. Quando gli sono stati prestati i primi soccorsi era cosciente, non pare in pericolo di vita.

Ad avvalorare l’ipotesi che a far sbandare S. S. sia stato un ungulato è il fatto che ad un centinaio di metri dal luogo dov’è successo il sinistro, in corrispondenza della ex cava di trachite Maso, ieri mattina quando sono intervenuti i soccorritori c’era un cinghiale ferito che nel corso della mattinata è morto. Un esemplare di una sessantina di chili che era stato visto da un automobilista intorno alle 7 camminare a bordo strada e un’ora dopo vagare nella campagna. La sbandata dell’auto è stata notata da una donna che abita nelle vicinanze e che si è subito attivata a chiamare i soccorsi. La semicurva dove la Polo è finita nel fossato è stata battezzata dai residenti la “curva dei cinghiali” proprio per il continuo passaggio di animali che dal bosco del monte Solone si sposta verso la campagna. Il via vai è testimoniato da un evidente calpestio sulla scarpata lato monte. Sul posto oltre agli agenti della Polizia municipale dei comuni di Galzignano Terme, Torreglia e Teolo e di due pattuglie di pompieri, si sono portati anche gli uomini della Polizia provinciale per il recupero e lo smaltimento della carcassa del cinghiale. Il timore dei residenti di via Vallarega, dopo l’ennesimo incidente, è che in quel tratto di strada dove i cinghiali attraversano a tutte le ore, prima o poi ci scappi il morto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Arresti per infiltrazioni della camorra a Bibione, il video dell'operazione della Dia

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi