Rifiuti e coperte sul colle San Daniele nel degrado

ABANO TERME. Inquinamento e movimenti strani, per non dire sospetti. Movimenti che si ripetono quotidianamente. Il colle di San Daniele, dove è collocato il Monastero delle monache benedettine, è da...

ABANO TERME. Inquinamento e movimenti strani, per non dire sospetti. Movimenti che si ripetono quotidianamente. Il colle di San Daniele, dove è collocato il Monastero delle monache benedettine, è da tempo oggetto di segnalazioni da parte di residenti e turisti. La zona è diventata una sorta di “area franca” per chi ha voglia di bivaccare e rimanere lontano dai riflettori del centro. Su per il colle i passanti raccontano di aver trovato addirittura una coperta, appesa a una staccionata. Coperta, che potrebbe essere stata usata per bivaccare o per altri scopi.

Accanto alle panchine e lungo il camminamento che porta fino al Monastero delle suore si trovano poi bottigliette di birra e acqua gettate a terra, sacchettini, scartoffie e persino dei guanti di lattice.

Nonostante l’attività incessante degli addetti, ogni giorno si ripresenta lo stesso scenario di degrado. È quindi evidente come l’inciviltà da parte di qualcuno rischi di rovinare una delle aree più belle e più caratteristiche di Abano. Gli atti di inciviltà vengono confermati anche dalle monache del Monastero stesso. «Ci sono movimenti strani», confermano dal Monastero, «soprattutto quando scende il buio. Basti pensare che ogni giorno, puntualmente verso le 18, sale fino alla sommità del colle un’auto. Rimane su qualche minuto e poi scende in pianura. Sono movimenti che abbiamo potuto riscontrare con le nostre telecamere a circuito chiuso. Non sappiamo di che giri si tratti, ma tant’è che i movimenti sospetti ci sono. Senza dimenticarci che in molti utilizzano il colle come una vera e propria discarica».

Il colle di San Daniele tempo fa era stato oggetto di abbandono di rifiuti. Erano stati ritrovati dai vigili e da alcuni passanti dei resti di cavi di rame. Il rame era stato tolto probabilmente dai ladri e la parte senza valore era stata quindi ammucchiata e abbandonata sul colle. Deturpando un ambiente naturale di rara bellezza e armonia. (f.fr.)

Video del giorno

Agrigento, l'appello dal letto di ospedale di una no-vax pentita: "Ho sbagliato, vaccinatevi tutti"

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi