Salone Auto e Moto d'Epoca, partenza con il botto

L'inaugurazione (foto Bianchi)

L'inaugurazione dell'edizione 2015 con il vicesindaco di Padova Eleonora Mosco e patron Baccaglini che fa i complimenti al comune: "Padiglioni sistemati bene e in fretta"

PADOVA. Tutti i relatori sul palco a cantare l'Inno di Mameli, con in prima fila il vicesindaco, Eleonora Mosco, con la fascia tricolore sul petto. Così si è conclusa, a mezzogiorno, la conferenza stampa, organizzata al padiglione tre, in cui, sostanzialmente, si sono tessute le lodi dei lavori di ristrutturazione, a spese del Comune, dei padiglioni 1, 2, 3 e 4, dove, nell'edizione del 2014, pioveva dentro. "Non ho mai amato troppo i politici - ha detto Mario Carlo Baccaglini, patròn di Auto d'Epoca -. Ma questa volta devo dire, a gran voce, che sia il Comune che la Camera di Commercio hanno portato a termine, a tempi di record, un ottimo lavoro".

Applauditi anche i discorsi dell'assessore al commercio, del presidente della Camera di Commercio, del direttore tecnico di PadovaFiere, Enrico Martin e del vice-presidente della Provincia, Fabio Bui, tutti moderati dalla presentatrice Savina Confalonieri.

"Se oggi siamo tutti contenti dello sprint con il quale è partita la 32esima edizione di questa, bellissima, manifestazione, è perchè l'attuale amministrazione comunale ha lavorato bene", ha osservato la Mosco. Pungente, come sempre, l'intervento di Fernando Zilio. "La fiera resta sempre il catalizzatore di un intero sistema economico - ha sottolineato il presidente - Basta con i gufi che si scagliano, a turno, contro la nostra, bella, fiera perchè essa fa parte integrante della storia dell'economia padovana e veneta in generale. Siamo tutti sulla stessa barca, ma, ora più che mai, è necessario, remare tutti nella stessa direzione. Altrimenti si rischia il naufragio. Per cinque giorni consecutivi in città ed in provincia tutti gli alberghi ed i ristoranti sono pieni. Il rilancio della fiera è un nostro dovere morale".

A tale proposito dall'hotel Piroga ha fatto sentire la sua voce anche Monica Soranzo. "Per rilanciare la fiera, in declino in questi ultimi anni, occorre fare sistema e gioco di squadra, al di là del colore politico", ha detto la presidente di Ascom-Turismo - Confermo che in questi giorni gli alberghi sono tutti pieni, ma, purtroppo, solo Auto d'Epoca porta a Padova così tanta gente, Bisogna lavorare per acquisire nuove rassegne".

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Lignano, il balletto dei fan dei Maneskin: Damiano e Victoria escono dalle prove per vederlo

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi