Padova Food Festival, domenica cibo di scena al San Gaetano

Manifestazione organizzata dal Parco Galileo su idea dei giovani imprenditori: salute, design, benessere e comunicazione

PADOVA. Per l'Expo milanese che chiude (31 ottobre) c'è il Padova Food Festival che apre (27 settembre).

Manifestazione organizzata dal Parco Scientifico Tecnologico Galileo su un’idea del Comitato Giovani Imprenditori della Camera di Commercio, con il supporto del Comune di Padova – Assessorato Cultura e Turismo, il Padova Food Festival è un’occasione per creare una collaborazione sistemica dei vari attori operanti sul territorio, presentando alla cittadinanza un’iniziativa in grado di mettere al centro il cibo e la sua esplorazione. Il Padova Food Festival, che avrà la sua "vernice" domenica prossima, 27 settembre, alle 10.30, al Centro Culturale San Gaetano, si snoderà da settembre 2015 ad aprile 2016 ed ospiterà al suo interno numerose iniziative culturali ed occasioni di confronto.

Il tema principale della manifestazione, che vuole coinvolgere le associazioni di categoria ed i prodotti del territorio, sarà il connubio del “mangiar bene” e della “innovazione” con un occhio di riguardo per la promozione del Km Zero.

"Le iniziative - spiega il direttore del Parco Scientifico Tecnologico Galileo, Emiliano Fabris - non hanno lo scopo di stimolare solo il palato, ma anche la mente visto che al suo interno saranno ospitate numerose iniziative culturali ed occasioni di confronto a partire da domenica prossima, 27 settembre, quando lanceremo il brand e un primo ciclo di seminari cui seguiranno la Mostra sul Food promossa dal Sole 24 Ore ed organizzata dal Comune di Padova per proseguire poi con altri seminari che racconteranno quando il Food è Benessere ed il Food è Comunicazione". Dunque il cibo visto da prospettive molto diverse: da quella della salute (con l'avanzata prepotente della nutrigenomica, una nuova disciplina che non considera più il cibo come un semplice insieme di calorie ma come informazione che entra nell’organismo e regola i processi cellulari e l’espressione genica); a quella del design (non solo utensili, ma anche progettazione dei processi, degli ambienti dove i prodotti vengono elaborati, distribuiti e consumati); dall'innovazione (nuovi modelli di business per creare imprese e format per riscoprire il modo di fruire e consumare il cibo secondo dinamiche innovative) al benessere (il cibo come strumento dello stare bene e del vivere bene). Infine la comunicazione con il cibo che diventa protagonista di tutti i media, dai reality show ai blogger, dai programmi in cui insegnano la buona cucina a quelli in cui spiegano l’equilibrio nutrizionale.

"Padova Food Festival - continua Fabris - vuole comunicare che cosa significhi costruire un messaggio, un sapere o una cultura attraverso il cibo ed in questa fase di apertura densa di appuntamenti si svolgerà l’evento di matching che accoppierà produttori e ristoratori. Estratti a sorte si formeranno i team di lavoro che avranno a disposizione l’inverno per realizzare in chiave innovativa un piatto della tradizione da presentare poi alla chiusura della manifestazione. L'innovazione dunque non è solo tecnologia o digital, prescinde dagli strumenti ed è anche un modo di pensare, o come in questo caso, di ripensare la tradizione verso nuove direzioni". Chiusura che vedrà coinvolta la cittadinanza in due importati iniziative: Padova Food Hackathon, un contest finalizzato alla nascita di concetti/idee/progetti innovativi del settore alimentare ri-elaborando prodotti già in commercio ed il Padova Food Fair, un mercato che si organizzerà nella splendida cornice di piazza Eremitani e vedrà idealmente due percorsi di degustazione, uno "veggy" ed uno "meatty" che metterà al centro la creatività e la sperimentazione delle coppie ristoratore e produttore precedentemente formate.

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi