Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Muore tre mesi dopo l’incidente stradale

SAONARA. È morto in ospedale dopo tre mesi dall’incidente stradale: Paolo Barbato, 75 anni, che viveva a Villatora di Saonara, non si era più ripreso dal 2 maggio scorso. Quel giorno, intorno alle...

SAONARA. È morto in ospedale dopo tre mesi dall’incidente stradale: Paolo Barbato, 75 anni, che viveva a Villatora di Saonara, non si era più ripreso dal 2 maggio scorso. Quel giorno, intorno alle 16, l’anziano stava tornando in sella alla sua bicicletta verso casa, in via Villanova, quando è caduto. Si pensava che a provocare la rovinosa caduta fosse stato il peso delle borse della spesa che Barbato teneva agganciate al manubrio della bicicletta: i carabinieri intervenuti sul posto, infatt ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAONARA. È morto in ospedale dopo tre mesi dall’incidente stradale: Paolo Barbato, 75 anni, che viveva a Villatora di Saonara, non si era più ripreso dal 2 maggio scorso. Quel giorno, intorno alle 16, l’anziano stava tornando in sella alla sua bicicletta verso casa, in via Villanova, quando è caduto. Si pensava che a provocare la rovinosa caduta fosse stato il peso delle borse della spesa che Barbato teneva agganciate al manubrio della bicicletta: i carabinieri intervenuti sul posto, infatti, non avevano rilevato segni di collisione con altri mezzi. In realtà, i successivi accertamenti medici hanno appurato che l’uomo era stato colpito da un malore. Quel pomeriggio era stato un automobilista di passaggio lungo via Vittorio Emanuele II, in località Casone – ancora nel territorio comunale di Legnaro - ad accorgersi dell’anziano a terra sull’asfalto e a prestargli i primi soccorsi. Le sue condizioni sembravano gravi tanto che si era alzato in volo anche l’elicottero del Suem che poi però è rientrato. Barbato è arrivato all’ospedale di Padova in ambulanza. Da quel giorno è sempre rimasto ricoverato e lunedì pomeriggio, a tre mesi esatti da quel malore ched l’aveva colpito mentre era in bicicletta, il suo cuore ha ceduto.

Paolo Barbato era in pensione ormai da molti anni: aveva lavorato come operaio, nei vivai del paese e anche come autotrasportatore. Lascia la sorella Rina. Il funerale sarà fissato nei prossimi giorni e sarà celebrato nella chiesa di Villatora.

Elena Livieri